Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Only Fun, Dario Cassini show dall’azzurro mare di Numana – VIDEO

Abbiamo incontrato l'attore e comico a Marcelli di Numana per una bella chiacchierata tra progetti, ricordi e vita familiare con il suo adorato figlio Raffaele

NUMANA Dallo spettacolo naturale della perla del Conero, Numana, dove vive insieme al figlio, allo spettacolo “Only Fun-comico show” su Discovery+. Protagonista assoluto è un attore, comico, show man e presentatore. Lo avete riconosciuto, è con noi Dario Cassini.
Dal 19 maggio alle 21,25 sul Nove e in anteprima su Discovery+ Dario Cassini è tra i protagonisti di “Only Fun”, il nuovo programma che vede riuniti i più importanti nomi della comicità italiana sul palco del teatro Galleria di Legnano, guidati da Elettra Lamborghini e I PanPers.

«Only fun è stata una bellissima sorpresa, perché LA9 è una rete relativamente giovane e ogni settimana ci regala un aumento degli ascolti… Speriamo in una nuova edizione in cui sarò in compagnia di tutti i miei colleghi da Pino degli Anticorpi a Maurizio Battista, Alberto Farina, anche la quota rosa è rappresentata bene. Only Fun è nata nel momento della pandemia, noi dai musicisti agli attori, sceneggiatori, operatori tv e direttori della fotografia avevamo limitazioni. Abbiamo avuto un pubblico in teatro che stava con la mascherina, strano da vedersi ma giusto. La pandemia l’ho gestita discretamente».

La sua comicità è spesso incentrata sulla figura della donna e sui ruoli invertiti nella coppia. Analizza le loro manie, i tic, le fobie e le diverse tecniche di corteggiamento da usare nei loro riguardi. Parlando di loro dice che le donne «sono la sua principale fonte di reddito, le prego di continuare a comportarsi in maniera così assurda perché hanno manie improponibili, non sanno stare da sole, sono multiformi, anche a letto sono delle truffatrici». «Io sono truffato continuamente – ci racconta l’artista –, tutte le coppie vivono in questo equilibrio assurdo del dare e avere. Per me sono una fonte di reddito perché sono un infinito spunto per i comportamenti, dinamiche di coppie… ci sono tanti altri argomenti ma questo lo preferisco perché lo conosco bene e sembra sempre che stia raccontando la vita di ciascuno spettatore che è seduto. Poi mediamente l’acquisto dei biglietti è 7 a 10 femminile, le donne amano molto sentir raccontare di sé, anche in maniera ironica».

Dario Cassini (foto dalla pagina Facebook dell’artista)

Una bella, lunga chiacchierata con un artista che si racconta a 360 gradi, aprendosi su scenari diversi: dal lavoro alla pandemia, alle donne, le coppie e la società fluida di una società che non va più definita per sessi. Dario Cassini, in una camicia azzurra che fa il paio con i suoi occhi e con il mare azzurrissimo di Numana. Ospitati sulla terrazza vista Conero del “Cucale” di Marcelli, abbiamo analizzato con l’artista il suo rapporto con le Marche: a Numana, dove vive insieme al figlio Raffaele di 7 anni, e Ancona, dove ha fondato la sua Accademia56 per la formazione degli attori comici, di cui è appunto direttore artistico. «La scuola è ad Ancona nella zona della Baraccola, qui vicino, è ciò che mi ha tenuto molto attivo durante la pandemia e sono molto grato a questa accademia – spiega – addirittura abbiamo formato alcuni ragazzi che poi sono andati a sostenere i provini di Zelig. Soddisfazione ne abbiamo non poca».

Ha alle spalle 30 anni di brillante carriera: ha partecipato a Fantastico del ’90 con la Carrà, è stato il primo conduttore de Le Iene, ha preso parte a Zelig Circus, Colorado, Stalk radio, Don Matteo. Tante esperienze che porta nel cuore. «Raffaella è unica, io ne parlo al presente come di Pino Daniele, Lucio Dalla e tutti quelli che ci sono comunque perché hanno lasciato cose importanti. Per un musicista è più facile lasciare una traccia con una melodia, ma quello che ha fatto Raffaella non è stato lasciare una traccia ma segnare un modo. Ricordo un Fantastico quando la media degli ascolti era 25 milioni… Importantissimi per me tutti i registi con cui ho lavorato, da Mario Monicelli a Massimiliano Bruno, Martani e Brizzi».

Poi volge lo sguardo a Numana. «È facile da amare basta guardarsi attorno, la natura di questo posto è assurda nel senso positivo – dice ancora – poi più divento grande più amo circondarmi di posti piccoli… mi hanno accolto come un principe e mi hanno trattato come uno di famiglia. C’è anche il motivo del pesce che mi lega a Numana». Dario Cassini non è solo lo showman, il comico e l’eclettico conduttore che siamo abituati a vedere in tv. Ha un lato privato che è quello di padre single, genitore di Raffaele. «Passo con Raffaele, il principe della spiaggia, lunghi periodi anche d’inverno perché il mare anche d’inverno è un amico diverso da quello d’estate. Per fortuna d’estate hanno inventato il Summer Camp qui a Marcelli perché io ho una vita che passo a pulire, stendere i panni e fare da mangiare come tutti gli artisti. Faccio la colf. Sono un padre perdutamente innamorato, presentissimo, un padre che mette il figlio prima di ogni cosa anche del lavoro. Un figlio viene prima di qualsiasi cosa».

Poi una battuta sui progetti in cantiere che vedremo anche sul grande schermo. «C’è La Donna per me di Martani con Arcangeli che è un giovane attore straordinario, io mi sono divertito a fare un cameo… Vi consiglio di guardare I predatori, un film di Pietro Castellitto su Sky di cui sono protagonista insieme a Massimo Popolizio e Antonio Girardi». Poi conclude: «Numana mi ha fatto bene alla salute ecco perché ne sono innamorato, mi ha aiutato a cambiare positivamente».  

Tanti gli impegni per Dario Cassini da “Only Fun” ai film sul grande schermo (foto pagina Facebook ufficiale)