Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Oltre duemila turisti all’infopoint di Ancona. Riviera superstar e la riscoperta dei borghi

Turismo oltre le aspettative. Il Conero tocca +8% rispetto al 2019, Senigallia+5% e l'interno +3%. E Ancona svolta con le crociere

La nave della compagnia Msc Crociere nel porto di Ancona
La nave della compagnia Msc Crociere nel porto di Ancona

ANCONA – Boom di presenze nell’estate del rilancio turistico post covid. All’edicola Iat di Piazza Roma, che offre il servizio di infopoint, hanno fatto tappa 2.500 turisti tra giugno e luglio. I picchi più alti di affluenza sono stati registrati in corrispondenza delle toccate delle crociere. Molti italiani, ma anche tanti turisti da tutta Europa. E non sono mancate anche presenze extraeuropee.

I posti più gettonati

Cosa chiedono i turisti una volta arrivati in città? Il mare prima di tutto: come arrivare alle spiagge, in particolare quelle di Portonovo. Poi i monumenti. Gli stranieri, ovviamente, cercano la ristorazione tipica locale. E dove trovare le e-bike. Insomma, si risveglia l’interesse per la città di Ancona. Una vocazione turistica fino a qualche tempo fa non troppo accentuata. Forse in passato non ci si puntava più di tanto. Mentre ora trova una sua collocazione nel ventaglio di proposte che il capoluogo è in grado di offrire: accoglienza in primis, un affaccio sul mare che poche altre città possono vantare e i luoghi d’arte. E poi la vicinanza strategica con la riviera del Conero, che è sempre un traino importante.

Riviera superstar

Il giro di boa dell’estate consegna dati più che rassicuranti riguardo il trend dell’affluenza sulle località turistiche della costa. Secondo un primo riscontro del centro di osservazione sul turismo di Confcommercio Marche, aggiornato al mese di giugno, il Conero tocca addirittura un +8% rispetto al 2019. Senigallia centra un +5% e l’interno segna +3%. Complice il bel tempo e le temperature sopra la media stagionale, luglio ha fatto registrare l’auspicato sold out su tutta la fascia costiera. E, novità dell’estate 2022, si sta finalmente verificando quell’effetto volano in favore delle località interne. «Il mare è ancora molto richiesto» afferma il direttore di Confcommercio Marche Centrali, Massimiliano Polacco. «Ma da quest’anno si sta verificando anche un movimento che dalla costa si allunga fino ai borghi dell’interno» specifica il direttore marketing dell’associazione Riviera del Conero e dei Colli dell’Infinito, Massimo Paolucci. 

Il trend

«C’è una tendenza che si sta consolidando – afferma Marco Manfredi, presidente dell’associazione albergatori di Senigallia e presidente provinciale di Federalberghi – ed è, appunto, quella di un interesse crescente verso tutto il territorio. Non soltanto la costa». Dalle colline al mare, dunque, un’unica destinazione capace di attrarre nuove fette di mercato. , il target, anzi i target che l’estate 2022 è riuscita ad attirare sono diversi a seconda dei territori. Seppure quello delle famiglie è ancora prevalente. «Ma anche molti giovani e molte coppie» sottolinea Anna Maria Ciccarelli. «Dipende molto anche dai periodi – specifica Manfredi – inizio e fine stagione c’è un flusso considerevole dei gruppi. Oppure coppie over 50 e pensionati. I giovani si muovono nel periodo delle ferie». Quindi agosto è praticamente il clou un po’ per tutti segmenti, ma in particolare per la fascia dei trentenni che possono godere delle settimane di stop dal lavoro.