NikolaTesla Unplugged by Elica
Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Numana, Casa Rapisarda al 19° posto per “Cucina d’autore” nella classifica 50 top Italy

Alessandro Rapisarda è già avvezzo ai riconoscimenti: è stato novità dell’anno 2019 della guida Gambero Rosso e vincitore del Premio San Pellegrino young chef 2017

NUMANA – Nella guida ai migliori ristoranti italiani 2023 per la categoria Cucina d’autore c’è Alessandro Rapisarda di Casa Rapisarda, il ristorante situato lungo la Costarella a Numana. È al 19esimo posto secondo 50 top Italy. «Una bellissima notizia, l’anno scorso ci eravamo posizionati al 45esimo. È una guida valida e importante. Fa onore al Conero e alle Marche. Un importante riconoscimento che paga il nostro impegno e la nostra passione. Grazie di cuore», dice lo chef. Rapisarda è già “avvezzo” ai riconoscimenti: è stato novità dell’anno 2019 della guida Gambero Rosso e vincitore del Premio San Pellegrino young chef 2017.

La cucina di Rapisarda

La sua cucina si ispira molto alla tradizione marchigiana e attribuisce grande importanza alla parte vegetale e al mare. «La mia idea di cucina ha delle basi ben solide e definite nel concetto di equilibrio, legato al pensiero di cucina tradizionale marinara in evoluzione. La fortuna più grande è quella di poter lavorare nel cuore di una regione piena di materie prime uniche, come le Marche». Dai moscioli selvatici di Portonovo al carciofo di Montelupone, dagli spaccasassi del Conero passando per i legumi più antichi, la roveja e la cicerchia di Serra de’ Conti, la carne di razza marchigiana, i pecorini e i salumi ed infine i vini, chiudono il cerchio di un territorio fra i più ricchi e pieni di storia in Italia.

A Casa Rapisarda è il Conero al centro per la realizzazione dei piatti, con la sua pietra bianca, il profumo dello iodio, le molteplici varietà di pescato e la parte verde che lo circonda. «Lavorare a 50 metri dal mare permette il contatto diretto con il pescatore e ci dà la possibilità di scelta del miglior prodotto quotidianamente», aggiunge Rapisarda, fiero del suo essere marchigiano.