Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

A Numana si accendono le luminarie, Tombolini: «Sicurezza senza rinunciare alla gioia del Natale»

A Sirolo invece, l’accensione delle luci si completerà mercoledì 9 dicembre. Nella piazza principale del paese al posto del tradizionale abete saranno posizionati degli ulivi, simbolo di pace, e le sagome del presepe

L'albero davanti alla Chiesa Cristo Re

NUMANA- Oggi pomeriggio, nel giorno dell’Immacolata, alle 18 a Numana si accende il Natale. L’evento, al fine di evitare assembramenti, sarà trasmesso in diretta Facebook. L’emergenza sanitaria che stiamo vivendo quest’anno non ha permesso di organizzare mercatini e spettacoli e così il Comune ha deciso di puntare sulle luminarie installate nelle vie principali del paese. In piazza del Santuario non ci sarà il caratteristico villaggio di Babbo Natale, al suo posto un abete alto 15 metri ricco di luci e davanti al Municipio un grande pacco natalizio. A Marcelli tra poche in piazza Miramare si accenderà l’albero di Natale, lungo il corso saranno illuminate le palme.

«Sarà un Natale come sempre curato nei minimi dettagli ma con un principio: evitare gli assembramenti- dichiara il sindaco di Numana, Gianluigi Tombolini-. In questo periodo particolare abbiamo cercato di bilanciare la sicurezza con il regalare momenti di gioia a tutti, bambini e adulti. Passeggiando per le vie principali di Numana, Marcelli e Svarchi con le luminarie si potrà assaporare lo spirito natalizio. Inoltre, grazie anche alla collaborazione con la Pro Loco, i nostri anziani stanno ricevendo a casa una mia lettera con gli auguri di Natale e un pacco dono».

L’ultimo Dpcm del Governo vieta dal 21 dicembre al 6 gennaio gli spostamenti verso le seconde case ubicate in altre regioni. Il 25, 26 dicembre 2020 e il 1° gennaio 2021, gli spostamenti verso le seconde case sono vietate anche tra Comuni.

«In questo periodo, in base alle misure dei vari Dpcm, abbiamo sempre controllato gli spostamenti nelle seconde case e non abbiamo riscontrato criticità. Ovviamente continueremo a farlo per far sì che le leggi vengano rispettate – afferma il primo cittadino -. Mi aspetto un grande senso di responsabilità da parte delle persone. C’è la consapevolezza che per tornare presto alla normalità occorre fare dei sacrifici adesso».

A Sirolo invece, l’accensione delle luminarie si completerà domani, mercoledì 9 dicembre. Dopo l’illuminazione della rotatoria dei pini, in centro, nelle frazioni, nella piazza principale del paese al posto dell’albero di Natale saranno posizionati degli ulivi, simbolo di pace, e le sagome del presepe.

«Non facciamo cose sfarzose per evitare di creare assembramenti. Sarà un Natale molto tranquillo anche perché per questo periodo il Governo ha limitato la circolazione» afferma il sindaco di Sirolo, Filippo Moschella.