Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

In negozio senza mascherina: «Mangiavo noccioline», chiuso minimarket ad Ancona

L’aumento dei positivi e il lockdown hanno fatto aumentare i controlli delle forze dell’ordine. Venti multati. Chiusa Portonovo e lucchetti nei parchi

I vigili urbani a Portonovo

ANCONA – C’è proprio chi non vuole sentire e non vuole rispettare la legge che impone l’utilizzo della mascherina per limitare il contagio di Covid-19.

Ieri mattina i carabinieri hanno sorpreso un negoziante che stava nel suo minimarket, in corso Stamira, senza la mascherina facciale. «Dovevo mangiare delle noccioline», si è giustificato l’esercente. Era in difetto e i carabinieri hanno proceduto al verbale della multa più la chiusura di cinque giorni per l’attività. Il titolare, un bengalese, ha dovuto abbassare la serranda.

I militari hanno staccato altre quindici sanzioni, per persone trovate in giro senza un giustificato motivo. Questa mattina Portonovo non era accessibile, una pattuglia dei vigili urbani si è posizionata alla rotatoria a monte per controllare gli automobilisti di passaggio e scoraggiare così gli accessi in spiaggia visto che tutta la provincia è zona rossa e non ci si può spostare senza un valido motivo. Chiusi anche i parchi cittadini per evitare che i residenti si concentrino nelle aree per l’attività motoria consentita vicino casa. 

I laghetti al Passetto deserti