Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Mobilitazione dei sindacati, domani sciopero del trasporto aereo: chiesto un incontro con la società di gestione del Sanzio

La manifestazione durerà 24 ore e coinvolgerà tutto il personale del trasporto aereo. È stata indetta dalle sigle Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti

L'aeroporto delle Marche

ANCONA- È stata proclamata per domani, 6 luglio, un’altra giornata di sciopero del trasporto aereo. Coinvolgerà tutto il personale del trasporto aereo: la mobilitazione è stata indetta dalle sigle sindacali Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti. «Faremo sentire la nostra voce a difesa dei lavoratori delle compagnie aeree nazionali e straniere con base e addetti nel nostro Paese (Alitalia, Air Italy, Ernest, Blue Panorama, Air Dolomiti, Norwegian, Emirates), delle società di gestioni aeroportuali, di handling e catering e di tutti gli stagionali e precari», riferiscono.

E aggiungono: «Alla base dello sciopero c’è l’opposizione ai licenziamenti nel settore, uno dei più colpiti dalla pandemia, la richiesta di una sede di confronto interministeriale permanente e l’istituzione di una cabina di regia per garantire la tenuta sociale assicurando gli ammortizzatori sociali e l’avvio di una riforma per garantire il riordino del sistema aeroportuale, l’applicazione delle regole del lavoro che prevedano gli stessi trattamenti normativi e retributivi a parità di condizioni operative ed il rifinanziamento del Fondo straordinario del trasporto aereo. Su queste tematiche, dopo il primo sciopero dello scorso 18 giugno, non c’è stata nessuna risposta dal Governo».

Alla mobilitazione di domani saranno presenti anche i lavoratori di Aerdorica «perché preoccupati del loro futuro lavorativo. Continua, infatti, la cassa integrazione di 28 settimane Covid che terminerà il 31 ottobre – specificano -. Si chiede con forza il rispetto della Presa d’atto, documento sottoscritto dalle parti sociali nazionali in sede di presidenza del Consiglio dei Ministri, e l’impegno all’utilizzo degli ammortizzatori sociali che la legislazione vigente e il decreto legge in approvazione prevedono in alternativa alla risoluzione dei rapporti di lavoro e l’attivazione delle politiche attive del lavoro per la riqualificazione degli operatori aereoportuali». In occasione dello sciopero, Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti hanno chiesto di essere ricevute dal responsabile delle relazioni industriali di Aerdorica, per avviare un confronto e sottoscrivere gli impegni sugli ammortizzatori sociali.