Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Ancona partecipa a “M’illumino di meno”: luci spente sui monumenti

È la giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili. Saranno oscurate la facciata del palazzo comunale, la fontana delle tredici cannelle e la statua di Cavour

Comune di Ancona
Comune di Ancona

ANCONA – Saranno spente le luci sui monumenti e saranno piantumati nuovi alberi nel capoluogo, in occasione di “M’illumino di meno”, la giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili lanciata dalla trasmissione radiofonica di Radio 2 “Caterpillar”, che si tiene venerdì 6 marzo. La giunta comunale di Ancona ha deciso di partecipare con l’oscuramento simbolico, dalle 18 alle 19.30, della facciata del palazzo comunale, della fontana delle tredici cannelle e della statua di Cavour.

Michele Polenta

«È evidente che l’oscuramento di questi monumenti non incide in maniera significativa sul consumo di energia – commenta l’assessore all’Ambiente, Michele Polenta – ma è un segnale dell’attenzione che questa amministrazione intende porre all’ambiente, sia con iniziative che ne stimolino la sensibilizzazione, sia con progettualità di più lungo respiro. Infatti proprio per il contenimento energetico si è provveduto negli ultimi tempi alla riqualificazione dell’illuminazione pubblica con lampade a led, con l’implementazione degli impianti fotovoltaici sopra molti edifici scolastici e sportivi e con la costruzione di plessi scolastici (come le Mercantini e le Socciarelli) a bassissimo consumo energetico».

Stefano Foresi

L’edizione di quest’anno si caratterizza anche per l’invito a piantare un albero, perché gli alberi nutrendosi di anidride carbonica contribuiscono a ridurre la principale causa dell’aumento dei gas serra nell’atmosfera terrestre. Ecco che oggi, 6 marzo, dieci alberi saranno piantati dall’amministrazione al Parco Lunetta. «Il lavoro sul rimboschimento del nostro territorio non si limita solo a questo – puntualizza l’assessore alle Manutenzioni Stefano Foresi – negli ultimi due mesi dello scorso anno, con l’Ufficio Verde, abbiamo piantumato 13 nuovi alberi in diversi punti della città e nel 2020, in due mesi, siamo già a quota 11. A ciò si aggiunge tutto il puntuale lavoro sul vasto patrimonio verde presente nella città».

Tiziana Borini

«Proseguiremo nel nostro progetto di rimboschimento di numerose aree verdi in collaborazione con le scuole e anche con l’Ufficio verde dell’amministrazione; – spiega l’assessore alle Politiche Educative, Tiziana Borini – siamo certi che il percorso messo in atto sinora ha ben sensibilizzato i nostri ragazzi sui temi ambientali».

Diversi gli interventi riguardanti le scuole doriche, tra cui lo scorso anno il rimboschimento del giardino della scuola primaria Rodari, e la piantumazione di un albero nel giardino della scuola Conero e di un ulivo in occasione dell’inaugurazione del nuovo corso di agraria presso l’Istituto Vanvitelli Stracca Angelini. Nel 2018, durante la giornata dell’albero nella scuola primaria Antognini, sono stati piantumati aceri campestri nella zona del Pincio e, durante l’ecofesta della scuola primaria Falcone, sono stati piantati nuovi alberi al parco Mendez. Gli studenti dell’istituto comprensivo Scocchera hanno anche piantumato 50 piante di quercia in uno spazio messo a disposizione dell’Amministrazione a Varano, mentre gli alunni della scuola Buonarroti hanno piantato alberi intitolati a personaggi come Falcone e Borsellino.

Sempre nel 2018, sono stati piantati un albero di corbezzolo, in occasione della festa dell’albero della scuola dell’infanzia Acquario, e altri alberi presso la scuola Anna Frank e grazie agli alunni dell’istituto comprensivo Grazie Tavernelle. Nel 2016, invece, sono stati piantati un albero nella scuola primaria Gramsci e un ulivo presso l’Istituto Vanvitelli Stracca Angelini.