Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Mastronunzio 2.0, il ritorno della Vipera

Presentato oggi nelle sede della Rays il primo acquisto dell’Anconitana, bandiera del calcio dorico: «Sono qui per rifare un’altra mezza storia». Felicità anche dal Presidente Marconi: «Al suo fianco possono arrivare altri giocatori di spessore»

Robert Egidi, Salvatore Mastronunzio, Stefano Marconi, Andrea Marconi e l'Add. Stampa Mauro Anconetani

ANCONA- Carico ed emozionato Salvatore Mastronunzio nel giorno della sua presentazione bis con la maglia dell’Ancona. Dopo sette anni dall’ultima volta, quella delle tre stagioni farcite da una promozione in Serie B e due salvezze in cadetteria vissute da assoluto protagonista, la Vipera torna all’ombra Del Conero riprendendosi anche la fascia da capitano. Nelle sede della Rays di patron Stefano Marconi è iniziata così la sua seconda avventura dorica, nella speranza di riportare Ancona nelle categorie che le competono.

«In Mastronunzio ho trovato una persona determinata – ha esordito il Presidente Marconi – che ha accettato Ancona senza se e senza ma. Ho bisogno di giocatori disponibili alla ripartenza del calcio vero e genuino qui da noi. Ho preso lui perché sono convinto che ci farà godere, esercitando il mio diritto dovere di decidere e prendendomi quindi la responsabilità. Con il suo arrivo ripartiamo seriamente, sperando che al suo fianco possano arrivare altri giocatori di spessore».

Cariche di emozione le parole di Andrea Marconi, Team Manager, che la Vipera l’ha ammirata nel passato dagli spalti del Del Conero: «Provo emozione nel trovarmelo davanti, e sapere che lo rivedrò al Del Conero mi emoziona ancora di più. Ha l’Ancona nel cuore e ce l’ha subito dimostrato». Sulla stessa linea anche il Vicepresidente Robert Egidi: «Ho visto negli occhi di Salvatore la voglia di rimettersi in gioco, lo sguardo giusto per far ripartire l’Ancona si da subito».

E poi è stata la sua volta, quella della Vipera pronta alla sua nuova vita in biancorosso: «Sono sempre stato legato all’Ancona. Quando me ne sono andato è perché mi è stato chiesto in una determinata situazione altrimenti non l’avrei mai fatto. Qui ho dato e ricevuto tanto, ogni anno è stato stupendo. Torno con grandi motivazioni nonostante tutto quello che è successo, e l’episodio di due anni fa quando mi fu attribuito un dito medio che non rientra assolutamente nel mio stile». Proseguendo ha ribadito a più riprese le sue motivazioni e la sua carica in vista della stagione che verrà: «Ho sempre messo la faccia, chi mi conosce lo sa. Voglio rifare un’altra mezza storia e riportare l’Ancona nelle categorie che merita. Sono sempre stato abituato a sudare la maglia e dare tutto me stesso, sono integro e non vedo l’ora di iniziare ad allenarmi. Ripartiamo da zero, noi siamo pronti e speriamo che i tifosi ci seguano numerosi. Mi sono dato altri tre anni di tempo, poi chissà».

Proseguono intanto le trattative per dare, entro la settimana prossima, la rosa definitiva a Marco Lelli. In cima alla lista dei desideri c’è Marco Mallus per cui si aspettano sviluppi nelle prossime ore. Al netto di soprese l’Ancona esordirà in campionato il 23 Settembre, presumibilmente in trasferta vista la richiesta della società. Capitolo presentazione, due le ipotesi. O in Comune, oppure nell’ambito della Notte Bianca ad Ancona (sempre il 23 Settembre). Nei prossimi giorni ne sapremo di più.