Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Covid Marche, Saltamartini: «Prima dose di vaccino a metà della popolazione»

Nelle Marche sono 753.236 le persone che hanno ricevuto la prima dose di vaccino contro il covid. Il punto con l'assessore regionale Saltamartini

ANCONA – «Abbiamo raggiunto con la prima dose di vaccino la copertura di metà dell’intera popolazione marchigiana, anche se la base vaccinabile è di circa 1,250 milioni». Lo ha annunciato l’assessore alla Sanità Filippo Saltamartini.

Nelle Marche sono 753.236 le persone che hanno ricevuto la prima dose di vaccino contro il covid, mentre 328.620 hanno avuto anche il richiamo. Complessivamente sono 1.081.856 le dosi somministrate.

Saltamartini rimarca che se «il presidente Draghi che il ministro della Sanità hanno sottolineato che il siero con base virale (AstraZeneca e J&J) non può essere utilizzato sotto i 60 anni, né per la prima dose e neppure per il richiamo, chiedendo alle Regioni di adeguarsi», le Marche «dalla sera di venerdì scorso con un sms diretto a tutti i dirigenti Asur» si era già allineata.

Dalla giornata di sabato prima dose e richiamo vengono eseguiti con Pfizer spiega Saltamartini sottolineando che «la campagna vaccinale prosegue con la prevalente somministrazione di Pfizer e Moderna».

Filippo Saltamartini, assessore alla Sanità

«Mercoledì – prosegue – c’è la conferenza delle Regioni in cui si dovrà affrontare il tema dell’impiego dei vaccini a base virale anche per le persone con più di 60 anni, nei confronti dei quali questo farmaco sembra essere più idoneo a sviluppare la copertura immunitaria».

L’assessore fa notare che «in realtà la seconda dose di Pfzer o Moderna quale richiamo della prima dose di AstraZeneca, non dovrebbe considerarsi quale “richiamo” appunto, ma solo la prima dose di Pfizer o Moderna. La conseguenza – conclude – è che potrebbe essere necessario il richiamo con Pfizer, portando le inoculazioni a tre. Questo è il punto che nella conferenza delle Regioni di mercoledì prossimo, il Ministero della salute dovrà chiarire».