Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Le Marche alla Bit, Pieroni: «Grande attenzione sulla nostra regione»

Gongola soddisfatto l'assessore regionale per il successo riscosso alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano. E annuncia 167milioni di euro per accoglienza e promozione per i prossimi 6 anni

Bit - La Borsa Internazionale del Turismo 2020

ANCONA – Le Marche riscuotono grande successo alla Bit di Milano. La tre giorni di eventi che vede la presenza di 60 tour operator e 50 appuntamenti in scaletta, ha preso il via ieri (9 febbraio). Al taglio del nastro, il presidente regionale Luca Ceriscioli e l’assessore al Turismo Moreno Pieroni.

La prime due giornate della Borsa Internazionale di Milano hanno visto protagonisti i i 500 anni dalla morte di Raffaello con i luoghi del pittore e architetto urbinate, tra i più celebri del Rinascimento, le grandi celebrazioni e mostre che costelleranno tutto il 2020, come quella a Palazzo Ducale. Presentato anche Marche Outdoor il progetto di cicloturismo sponsorizzato dal campione del ciclismo Vincenzo Nibali e poi il bike. Poi è stata la volta dei 500 anni dalla morte di Raffaello con i luoghi e le grandi mostre che costelleranno tutto il 2020.

Le prime giornate della Bit sono iniziate ottimamente e stanno proseguendo alla grande. Gongola soddisfatto l’assessore al Turismo Moreno Pieroni che sottolinea come siano cresciuti gli operatori presenti alla Bit, passati dai 50 dell’anno scorso ai 60 attuali. «C’è una grande attenzione sulla Regione Marche», spiega «gli operatori ci dicono che l’interesse per la nostra terra si è fatto più forte».

Inoltre l’assessore ha preannunciato che per la Regione arriveranno fondi europei per 167milioni di euro che saranno destinati alla promozione e all’accoglienza per i prossimi 6 anni. Insomma le Marche crescono e cresceranno ancora.

Grande la soddisfazione anche da parte del dirigente regionale Raimondo Orsetti, deus ex machina insieme a Pieroni dei risultati messi a segno dal turismo regionale: «Siamo molto soddisfatti soprattutto per aver dato la possibilità agli operatori di avere uno spazio adeguato agli incontri».

«Dopo il riconoscimento di Lonely Planet l’attenzione nei confronti delle Marche è cresciuta molto ed è diversa rispetto al passato. Questo apre il futuro a nuove sfide», ha concluso.

RAFFAELLO
Conferenze, mostre, convegni, spettacoli, scambi culturali internazionali, manifestazioni sportive, attività ludiche, percorsi di visita. Tutto questo e molto di più ha pensato l’assessorato al Turismo della Regione Marche per celebrare i 500 anni dalla morte del suo celebre figlio: Raffaello Sanzio.
Tra gli appuntamenti più attesi e imperdibili, la mostra “Raffaello e Baldassarre Castiglione” curata da Vittorio Sgarbi, Elisabetta Losetti e Pietro Di Natale, in programma dal 12 giugno al 1 novembre nelle Sale del Castellare del Palazzo Ducale di Urbino.

Ma Raffaello parlerà anche ai più piccoli con il percorso dedicato a “Raffaello Bambino”: qui immagini, testi e indicazioni creano un circuito di scoperta, suddiviso in vari punti, in cui la città parla ai bambini raccontando i luoghi del celebre pittore in modo originale e accattivante. Dal 6 aprile.

Previsti anche spettacoli con protagonisti di primo livello. Il 6 aprile, al Teatro Sanzio, Alessandro Preziosi sarà il protagonista di “Raffaello. Una vita felice”, di Antonio Forcellino A maggio, sempre al Sanzio, arrivano David Riondino & Dario Vergassola  con “Raffaello, la Fornarina, il Cinquecento e altre storie”.  Ad agosto, nella Sala degli Angeli di Palazzo Ducale si terrà “Raphael Urbinas. Musica Picta de Divin Pictore”, una anteprima nazionale dei Sonetti di Raffaello e le Rime di Giovanni Santi in musica, a cura di Simone Sorini. Si tratta di  brani tratti da cinque sonetti autografi e uno apocrifo ritrovati nei cartoni preparatori di alcuni affreschi di Raffaello, oltre ad alcune rime più significative del padre, Giovanni Santi.  A Novembre invece andrà in scena al Teatro Sanzio “La leggenda del pittore divino”, un progetto di e con Matthias Martelli.

Di rilievo anche le conferenze. Il 27 febbraio, con il professor Aldo Vitali  parlerà de “L’arte orafa e Raffaello” al Ridotto del Teatro – Sala del Maniscalco. Ma Urbino sarà anche il punto di inizio del Giro d’Italia Under 23 che si terrà il 3-4-5 giugno.

IL GIUBILEO LAURETANO
La giornata di oggi (11 febbraio) ha visto la Regione calare un altro asso dalla manica, il Giubileo Lauretano in occasione del Centenario della proclamazione della Vergine Lauretana Patrona degli Aviatori. Iniziato l’8 dicembre con l’apertura della Porta Santa nel Santuario di Loreto presieduta dal cardinale Pietro Parolin, porterà nella città mariana il 24 marzo 2020, per l’anniversario della proclamazione, l’Aeronautica militare da tutta Italia. Una grande occasione per le Marche per mettere in mostra i suoi gioielli. 

Per la prima volta nella storia della Chiesa, quello di Loreto sarà un “Giubileo itinerante” che andrà incontro ai viaggiatori (e pellegrini) che potranno chiedere l’indulgenza plenaria in tutte le cappelle degli aeroporti civili e militari, italiani e internazionali (260 circa).  Inoltre tre copie della statua della vergine nera, stanno volando tra gli aeroporti del mondo. 

Il Giubileo sarà anche l’occasione per visitare il Museo Storico Aeronautico di Loreto dove si possono ammirare le uniformi originali indossate dal personale della Regia Aeronautica fino al 1946 e poi dall’Aeronautica Militare fino ai giorni nostri e più di 500 modelli di velivoli storici, alcuni dei quali possono essere pilotati a bordo di un simulatore di volo interattivo.

Ma Loreto custodisce anche la grande arte con il Complesso del Santuario Pontificio della Santa Casa che protegge il tesoro delle pareti della Santa Casa. La struttura iniziata nel 1469 in stile tardo gotico, di derivazione fiorentina, fu probabilmente ideata sulla base di un progetto di Francesco di Giorgio Martini e fu completata nel 1587. La cupola è di Giuliano da Sangallo con all’interno gli affreschi di Cesare Maccari, mentre il complesso marmoreo è di Donato Bramante.

Uscendo dalla Basilica, il Palazzo apostolico al cui interno si trova il Museo Pontificio Santa Casa, con gli arazzi basati sui bozzetti di Raffaello e la sala con i capolavori di Lorenzo Lotto, fra i quali l’Adultera, il Battesimo di Cristo nel Giordano, l’Adorazione dei Magi.

Proprio al Museo Pontificio della Santa Casa di Loreto dal 4 aprile al 5 luglio 2020 la mostra la“Madonna del velo o Madonna di Loreto” di Raffaello curata da Fabrizio Biferali e Vito Punzi, con la consulenza dei Musei Vaticani.

TRAVELLER
Sempre nella giornata di oggi è stata presentata anche “Traveller – Speciale Marche”, un numero speciale della rivista interamente dedicato alle Marche, che quest’anno ha come filo conduttore il progetto Marche Outdoor. Nel numero sono presenti focus dedicati a Raffaello, al Giubileo e al testimonial Vincenzo Nibali. Lo speciale, in edicola dal mese di Marzo è stato presentato dal direttore Luca Dini.

PORTALE E APP PER RILANCIARE IL CRATERE
Parallelamente è stata presentata anche Rinascimento Appennino, l’App che si pone l’obiettivo di riportare il turismo nei luoghi colpiti dal sisma del 2016. Protagonisti 15 comuni dell’Unione Montana dei Monti Azzurri, inseriti in piattaforme multimediali (portale e App). Uno strumento che informerà i turisti non solo sugli eventi culturali dei comuni del cratere, sui monumenti e luoghi da visitare, oltre che sui ristoranti, ma anche sullo stato di fruibilità dei servizi. Inoltre guiderà i turisti alla scoperta dei prodotti artigianali ed enogastronomici tipici di quelle terre, piuttosto che al ristorante dove vengono ancora realizzati piatti tipici della tradizione, aiutando allo stesso tempo i produttori nella vendita dei loro prodotti. Una App che va di pari passo anche con Marche Outdoor e che quindi può essere impiegata con grande vantaggio anche dai visitatori che amano il cicloturismo, l’escursionismo, il nordic walking, le ciaspolate, insomma per quel segmento di turisti verso i quali le Marche stanno puntando molto, forti delle bellezze del territorio e del fatto che il patrimonio paesaggistico non possa essere strappato neanche dal sisma.

LO SPORT
Una Regione che punta molto anche sullo sport e che vedrà per tutto l’anno una serie di grandi eventi a cominciare dal 13 febbraio a Pesaro con la Final Eight Basket LBA. Sempre a febbraio l’Atletica Indoor ad Ancona a cui seguirà EMAF Festival Europeo Master in aprile. A maggio (2-3) a Fano si terrà la Colle Mar-Athon, mentre dal 3 al 5 aprile a Pesaro sarà la volta della World Cup di Ginnastica ritmica. A chiudere l’anno in bellezza ci penserà l’Overtime, festival di etica sportiva che si svolgerà a Macerata dal 7 all’11 ottobre, mentre proseguiranno le gare ciclistiche tradizionali, il Rugby a Jesi e l’Easter Volley nel territorio di Ancona.

DA OSVALDO LICINI A MARIA MONTESSORI
Protagonisti alla Bit anche i personaggi illustri marchigiani come l’artista e pittore Osvaldo Licini e la grande pedagogista Maria Montessori.
In onore dell’artista si svolgerà dal 18 aprile al 30 agosto “La Regione delle Madri – I paesaggi di Licini” la mostra nella sua città natale, Monte Vidon Corrado.  «Non è la stessa cosa vedere Licini fuori dalle Marche e ammirarlo invece proprio a Monte Vidon Corrado» ha dichiarato la dirigente del servizio cultura della Regione, Simona Teoldi. «Qui tutto ha avuto inizio e apprezzare i suoi paesaggi significa vedere il paesaggio marchigiano attraverso gli occhi del pittore. Questa mostra rappresenta perfettamente la politica culturale che la Regione sta seguendo per dare significato alla definizione di turismo culturale: una proposta personalizzata e radicata sui territori per restituire le atmosfere e le emozioni di luoghi che sono unici e identificativi di una cultura locale».
In mostra fra i 90 oli e i 20 disegni anche alcune opere mai esposte prima.

Per i 150 anni dalla nascita della celebre pedagogista Maria Montessori (Chiaravalle) che ricorrono il 31 agosto 2020, verrà inaugurata la rinnovata Casa Montessori e verranno realizzati eventi celebrativi.