Mancinelli: «Nuovo mercato di piazza D’Armi e più illuminazione e telecamere»

Il sindaco traccia un bilancio del Primo Piano Festival, organizzato dal 9 al 16 luglio. Mancinelli: «Il festival è stato un faro che ha dato luce al quartiere e ora potenzieremo illuminazione e sicurezza. Il mercato coperto di piazza D'Armi sarà riqualificato e chi non rispetta le regole sarà punito con sanzioni amministrative»

Il sindaco Valeria Mancinelli insieme alla giunta traccia il bilancio del Primo Piano Festival

ANCONA – «Il Primo Piano Festival ha innescato un processo che ha l’obiettivo di modificare la percezione del quartiere. Siamo consapevoli che il Piano ha tanti problemi, ma il festival è stato un faro che ha dato luce al quartiere e l’operazione è riuscita. Sono tantissime le persone che hanno lavorato e collaborato alla prima edizione, a cui desideriamo dar seguito nel 2018». Il sindaco Valeria Mancinelli traccia un bilancio del festival organizzato al Piano San Lazzaro dal 9 al 16 luglio, aperto dal concerto della cantante israeliana Noa. Una settimana in cui sono state coinvolte migliaia di persone e che ha acceso i riflettori sul quartiere cosmopolita della città, dove convivono oltre 100 etnie.

Il sindaco Valeria Mancinelli e il vicesindaco Pierpaolo Sediari

«Siamo solo all’inizio – dichiara il Sindaco – e saranno tanti gli interventi da oggi in avanti che interesseranno il quartiere, il cui fulcro è il mercato, un grande centro sociale a cielo aperto vissuto ogni mattina da migliaia di persone che comprano e intessano relazioni e l’intenzione dell’Amministrazione è di farlo vivere anche nelle altre ore del giorno». La Mancinelli ha assicurato che nel 2018 sarà definito il progetto e avviata la gara per la riqualificazione del mercato coperto di piazza D’Armi, che svolgerà la funzione di mercato ma diventerà anche un centro culturale e di aggregazione». Nel frattempo, «valorizzeremo la struttura esistente con interventi di abbellimento esterni e la piazzetta sarà oggetto di iniziative di intrattenimento culturali e musicali».

Un momento del Primo Piano Festival

Nell’agenda del Comune però c’è anche il potenziamento delle infrastrutture, dell’illuminazione e della sicurezza, con il posizionamento di nuove telecamere e maggiori controlli da parte delle forze dell’ordine. «Da un lato – assicura il primo cittadino – l’Amministrazione continuerà ad intervenire sulle infrastrutture con interventi di potenziamento dell’illuminazione, di ulteriore implementazione delle telecamere di sorveglianza (al momento sono 24) e di manutenzione delle strade, a cominciare da corso Carlo Alberto e piazzale Loreto. Gli interventi strutturali sono già in cantiere e gli appalti in corso. Dall’altro, si intensificheranno le azioni di presidio del territorio in collaborazione con la Questura e le misure per il rispetto delle regole, con il ricorso anche a sanzioni amministrative per chi le ignora». Inoltre la Giunta è intenzionata a destinare alcuni spazi dell’ex circoscrizione di via Scrima alle associazioni e agli studenti.

Sui prossimi eventi nel quartiere, ufficializzata la data della notte bianca del Piano che sarà il 9 settembre, mentre a metà ottobre ci sarà una giornata dedicata al quartiere durante la quale Comune, cittadini e associazioni si prenderanno cura del Piano con interventi di pulizia e verniciatura. In più, con la collaborazione di Anconambiente e per contrastare l’abbandono di beni ingombranti, nascerà un punto di raccolta di riciclo e riuso. «I residenti potranno conferire i beni ingombranti – continua la Mancinelli – e altri cittadini potranno venire a prendere divani, lampade o tavoli in buone condizioni, in modo da incentivare la cultura del riuso».

L’interno del mercato coperto di piazza D’Armi durante il festival

PRIMO PIANO FESTIVAL – I due grandi concerti di apertura e chiusura del festival in piazza Ugo Bassi (Noa e la sua band con “Love Medicine” e l’Orchestra di piazza Vittorio) hanno registrato una presenza complessiva di circa 6mila persone. Altre 3mila sono state presenti nelle varie attività proposte: 13 concertini distribuiti in varie location del quartiere, 4 spettacoli teatrali, 7 performance di danza, 4 incontri con l’extraterrestre e la sua navicella, 24 ore di programmazione radio in filodiffusione. Tanti gli appuntamenti in varie location con al centro piazza Ugo Bassi, il mercato di Piazza d’Armi con  la piazzetta antistante e l’ex pescheria, i giardinetti di piazza Ugo Bassi, il sagrato della chiesa dei Salesiani, Zucchero a velo, Speedy bar, bar Gasoline, pasticceria Maurizio.

Un momento del Primo Piano Festival

Per il verde: 12 maxifioriere realizzate con i bancali in legno, 40 vaschette di fiori e 600 piantine fiorite, 2 grandi aiuole allestite. Sono stati 8 gli incontri pomeridiani/serali tra tavole rotonde, conferenze e presentazioni di libri: dall’incontro sui temi di identità e immigrazione con padre Baggio, collaboratore di Papa Bergoglio, e con Mohamed Dachan, all ‘incontro dei sindaci sulle periferie, da quello sul biologico con Naturasì alla presentazione degli atti del Congresso eucaristico 2011 da parte del  Cardinale Menichelli fino alla santa Messa di domenica 16 luglio. Per quanto riguarda l’enogastronomia, sono stati organizzati 12 cooking show al mercato di piazza d’Armi, con circa 1.500 apericena serviti nella piazzetta del mercato. E ancora 7 happy talk language caffè e il “Selfie Soul Pride”, il corteo dedicato all’orgoglio multietnico, un carnevale di colori in cui la comunità ha espresso se stessa attraverso maschere di cartone, slogan, cartelloni e bandiere.