Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Maltempo: annullata la Festa del mare e vietata la balneazione

Annullati gli eventi pomeridiani e serali della manifestazione, in programma domenica 3 settembre al porto antico. Confermata invece la messa delle 10.30 celebrata dal cardinale Menichelli. Per il maltempo interdetta anche la balneazione in alcuni tratti del litorale

Un momento dello spettacolo pirotecnico che ogni anno caratterizza la festa del Mare di Ancona

ANCONA – A causa delle previsioni avverse del meteo, la Festa del mare in programma domenica 3 settembre, è annullata negli eventi pomeridiani e serali. Confermata invece la santa messa delle 10.30 nella cattedrale di san Ciriaco con il cardinale Edoardo Menichelli. Gli organizzatori, tra cui l’associazione Stella Maris, dopo un confronto con le varie realtà competenti, stanno valutando di recuperare i gesti più significativi della festa nella prima data possibile. Domenica, dunque, a causa del maltempo, non ci saranno la tradizionale processione in mare, il talk show “Buonasera Mare Show” e lo spettacolo pirotecnico che sarebbe durato 30 minuti.

Il maltempo e la pioggia di questa mattina hanno anche interdetto la balneazione in alcuni tratti del litorale a Torrette, Collemarino e Palombina Nuova. Sono infatti stati attivati oggi, per un breve periodo e a titolo precauzionale, gli scolmatori presso i seguenti tratti: AN01 Targa Palombina Nuova – acque di balneazione: IT 011042002001; AN02 Ultimo sottopassaggio Palombina Nuova – acque di balneazione: IT 011042002002; AN04 Sbocco Fosso civ. 314 S.S. Flaminia – acque di balneazione: IT 011042002017; AN05 Sbocco Fosso civ. 311 S.S. Flaminia – acque di balneazione: IT 011042002017; AN06 Sbocco Fosso civ. 307 S.S. Flamina – acque di balneazione: IT 011042002017; AN07 Porticciolo Torrette – acque di balneazione: IT 011042002003; AN 11 Sbocco Coll. Acque Chiare Monte Cardeto – acque di balneazione: IT011042002018. In questi tratti la balneazione è vietata, a causa di possibili sversamenti fognari in mare, fino a successiva comunicazione dell’Arpam.