Lutto a Falconara: è morto Gino Baldassini, “l’uomo del Burro Italia” e padre del consigliere Marco

L'Amministrazione comunale si stringe al dolore del consigliere Marco Baldassini. Il padre si è spento questa mattina, all’età di 81 anni, all'Inrca di Ancona. La camera ardente aprirà domani

falconara

FALCONARA MARITTIMA – Se ne è andato questa mattina Gino Baldassini, conosciuto come “l’uomo del Burro Italia” per essere stato uno degli associati alle Cremerie Lombarde Marchigiane, e padre del consigliere Marco Baldassini. Gino si è spento all’età di 81 anni all’Inrca di Ancona, dove era ricoverato da circa 15 giorni per complicazioni.

Gino Baldassini

L’Amministrazione comunale si stringe al dolore del consigliere Marco Baldassini e ricorda Gino come una persona onesta, devota alla famiglia e al lavoro, oltre che per simpatia e disponibilità. A 14 anni andava a consegnare il burro in bicicletta, ma è stato uno dei primi ad avere l’auto: tante coppie gli chiedevano di essere accompagnate in chiesa per andarsi a sposare con il suo Dino Ferrari, con cui in due minuti accompagnava la madre Adalgisa da Villanova a Fiumesino. A raccontarlo è lo stesso consigliere Marco Baldassini che ricorda come tra i grandi hobby del padre ci fosse la pesca, che lo ha visto al comando del suo motoscafo Mochi craft in legno e con gli amici di lenze. La pesca professionale dopo il pensionamento gli aveva regalato una seconda giovinezza.

«Anche la caccia era una sua passione – ricorda Marco Baldassini – che condivideva con gli amici più cari come Peppe Roselli, Bruno Moroni, Luigi Dazi, Giorgio Giacchetta e Itolo Gabrielli. Infine il circolo cacciatori di Villanova tra partite a bocce, coronate da trofei a livello regionale e alle carte, sempre in coppia con il cognato Vincenzo Bracaccini o con il suo amico più caro Armando Giombini detto Martano. Ultimamente si era un po’ rassegnato e viveva la sua vita da pensionato anche a seguito di una operazione importante al cuore subita nel 2013». Al figlio da poco eletto consigliere aveva sempre chiesto di riportare la vita nei quartieri di Villanova e Fiumesino dove è nato e sempre vissuto. La camera ardente aprirà domani pomeriggio alle 15. I funerali si svolgeranno domenica alle 17.30 al Rosario. La famiglia chiede, anziché i fiori, donazioni all’associazione Elpis Nave Ospedale.