Lonely Planet incorona le Marche: è la seconda regione più bella del mondo

La guida turistica più conosciuta dai viaggiatori ha stilato la classifica internazionale “Best in Travel 2020 - Top Ten Regions”. Ceriscioli: «Il nostro territorio è stato scelto per la sua bellezza, per l’arte e per tutto quello che sappiamo offrire. È una grande opportunità per ricevere ancora più turisti, per la nostra economia e per il lavoro».

Monte Conero (immagine Wikipedia)

ANCONA- Le Marche alla conquista del mondo! La regione si posiziona al secondo posto nella classifica internazionale “Best in Travel 2020 – Top Ten Regions” di Lonely Planet, la guida turistica più famosa al mondo. La nostra regione è l’unica destinazione italiana a rientrare tra le 10 mete da visitare nel 2020. Si tratta di un importantissimo riconoscimento per tutte le Marche e per tutto il sistema turistico del territorio.

«La Lonely Planet ha scelto le Marche per la sua bellezza, per l’arte e per tutto quello che sappiamo offrire. È una grande opportunità per ricevere ancora più turisti, per la nostra economia e per il lavoro» commenta soddisfatto il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli.

Nella guida, bibbia per i viaggiatori di tutto il mondo, si legge che: «Dopo decenni in un ruolo un po’ defilato, le Marche sono finalmente pronte a mettersi sotto i riflettori. Nel 2020, infatti, la regione salirà alla ribalta, quando Urbino, una delle sue città più suggestive, guiderà le celebrazioni per il 500° anniversario della morte del grande pittore rinascimentale Raffaello. Ecco dunque l’occasione perfetta per partire alla scoperta di un territorio stupefacente, per molti versi ancora sconosciuto. E probabilmente una delle ragioni del suo grande fascino è proprio quella di poter esplorare con calma, e in relativa solitudine, maestose rovine romane, svettanti architetture gotiche, massicci castelli medievali e sublimi palazzi rinascimentali che custodiscono collezioni d’arte tra le più ricche d’Italia. Il tutto racchiuso tra alte montagne boscose e la placida costa dell’Adriatico e condito da golosi festival gastronomici».

Ci sono poi articoli dedicati al Conero: «mare cristallino, spiagge incontaminate, calette di sassolini bianchissimi e scogliere incredibilmente verdeggianti punteggiate dal viola della lavanda e dal giallo delle ginestre: se cercate il paradiso dell’Adriatico nelle Marche, il Conero è quello che più gli assomiglia»; a fede, misteri e poesia nel cuore delle Marche e alle esperienze da non perdere nella regione, come la visita alle Grotte di Frasassi.

Sul gradino più alto del podio della classifica stilata dagli esperti di Lonely Planet, solo la Via della Seta, in Asia Centrale. Poi le Marche sbaragliano tutti: destinazioni come Tōhoku in Giappone, Maine in Usa; Lord Howe Island in Australia; la provincia del Guìzhōu in Cina; la provincia di Cadice in Spagna; l’Argentina Nord Orientale; il Golfo del Quarnaro in Croazia e la Foresta Amazzonica in Brasile. E queste sono solo le dieci mete entrate in classifica.