Lega: «La macchina comunale si sta bloccando, ma il Sindaco va a Roma»

È l’allarme lanciato dai consiglieri anconetani Ausili, De Angelis e Andreoli durante la seduta del consiglio comunale. Il j'accuse è diretto anche al primo cittadino: «La Mancinelli è molto assente, impegnata in tante comparsate televisive in giro per l'Italia»

Comune di Ancona
Comune di Ancona

ANCONA – «La macchina comunale, i suoi uffici e i suoi servizi, rischiano il blocco definitivo». È l’allarme lanciato ieri (15 luglio), durante la seduta del consiglio comunale, dai consiglieri della Lega che hanno denunciato anche «l’assenza in aula del Sindaco e dell’assessore Capogrossi chiamate a rispondere a due importanti interrogazioni urgenti, riguardanti le modalità e i controlli degli affidi dei minori dopo i tremendi casi di Bibbiano e la situazione del funzionamento della macchina comunale».

Il Gruppo consiliare della Lega. Da sinistra, Antonella Andreoli, Marco Ausili e Maria Grazia De Angelis
Da sin. Antonella Andreoli, Marco Ausili e Maria Grazia De Angelis

Per i consiglieri Marco Ausili, Maria Grazia De Angelis e Antonella Andreoli, la macchina comunale «si sta bloccando e le ragioni sono due: la drammatica mancanza di personale e la sospetta irregolarità degli uffici e dei locali di uso pubblico in quanto a norme di sicurezza. L’amministrazione ha accumulato ritardi imperdonabili, su entrambe le questioni: le procedure concorsuali e la mobilità in entrata sono bloccati e gli uffici arrancano per mancanza di personale, il tutto aggravato dai tanti pensionamenti previsti quest’anno, mentre strutture di uso pubblico come la biblioteca comunale vengono chiuse perché non rispettano normative di sicurezza sui luoghi di lavoro e sulle misure antincendio».

«Se le cose andranno avanti così – hanno detto i consiglieri – la macchina comunale si schianterà molto presto, producendo drammatiche conseguenze sulla cittadinanza, conseguenze che già si cominciano a vedere: inevitabile lentezza degli uffici, mancanza di servizi fondamentali per la nostra città come quello idrogeologico (ufficio scomparso circa due anni fa per mancanza e spostamento di personale), chiusura di spazi e di servizi come accaduto per la biblioteca comunale Benincasa. Quello che più dispiace è che nel frattempo il Sindaco, anziché correre ai ripari, sembra totalmente concentrato sul culto della propria persona e della propria carriera politica. Lo vediamo infatti molto impegnato a spendere soldi e tempo ricercando portavoce e social media menager. Lo vediamo molto assente dal territorio comunale, impegnato in tante comparsate televisive e ospitate in giro per l’Italia. Chiediamo che il Sindaco sia più presente, che lavori a testa bassa veramente per il suo territorio e per evitare il collasso della macchina comunale intera. Ripresenteremo le interrogazioni urgenti al prossimo Consiglio».

Il Sindaco Valeria Mancinelli a Montecitorio

Il Sindaco Valeria Mancinelli ieri era assente in aula perché nel pomeriggio ha partecipato a Montecitorio, all’incontro “Women in Politics”, durante il quale rappresentanti istituzionali britanniche e italiane si sono confrontate per discutere come combattere la discriminazione di genere e facilitare l’accesso delle donne alla vita pubblica. Dopo il saluto della Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, ci sono stati l’introduzione della vicepresidente della Camera dei Deputati, Maria Rosaria Carfagna, e gli interventi di un ristretto e selezionato gruppo di esponenti: donne della politica italiana e estera, da Amber Rudd, Segretario di Stato a Lavoro e Pensioni e Eleanor Laing, Deputato della Camera dei Comuni–Regno Unito, a Jill Morris, ambasciatore britannico in Italia e San Marino fino alla senatrice Emma Bonino e a Valeria Mancinelli, Sindaco di Ancona.