Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Le Marche celebrate con un calendario da Le Donne del Vino

L'iniziativa è stata presentata al SIMEI a Milano in occasione della Prima Convention mondiale con le Donne del Vino delle Associazioni estere: la festa della regione passa attraverso il binomio vincente turismo-agricoltura

MILANO – Le socie marchigiane dell’associazione Le Donne del Vino omaggiano le Marche con un calendario, presentato oggi, mercoledì 20 novembre, in anteprima, al SIMEI a Milano in occasione della Prima Convention mondiale con le Donne del Vino delle Associazioni estere.

Il calendario è dedicato sì alle Marche, ma anche a tutte Le Donne del Vino d’Italia. «L’idea del calendario nasce per festeggiare le Marche attraverso le donne marchigiane che lavorano quotidianamente nel mondo del wine – afferma Daniela Sorana, delegata de Le Donne del Vino Marche – Oltretutto le nostre amate Marche si posizionano al secondo posto nella classifica internazionaleBest in Travel 2020 – Top Ten Regions” di Lonely Planet, la guida turistica più famosa al mondo, ed è l’unica destinazione italiana a rientrare tra le 10 mete, distinte per categorie, da visitare nel 2020. Questo risultato è molto importante per il nostro sistema economico. Portare – conclude – alla ribalta un territorio, sconosciuto soprattutto all’estero, significa poter attivare il binomio vincente turismo-agricoltura che, come sappiamo, ha decretato la fortuna delle zone viticole italiane di maggior successo”.

Il calendario nasce con la collaborazione di Grafiche Federighi, storica tipografia di Camerata Picena (AN): ogni anno realizza un calendario molto bello ed artistico scegliendo un tema sempre diverso. Per l’edizione 2020, visto il ruolo sempre più crescente ed importante della Donna nel mondo del vino, hanno scelto come tema “Donne e Vino”, rendendo l’associazione parte attiva del progetto.

Durante la Convention la Presidente Nazionale de Le Donne del Vino, Donatella Cinelli Colombini, ha fatto omaggio del calendario a tutte le delegate estere nonché alle Donne Italiane presenti alla Convention.