Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Lauree in Piazza Roma per 400 neodottori dell’Univpm

L'Univpm ha in mente di realizzare due nuovi studentati in centro- deposito ex derrate nel parco del Cardeto e ex Caserma Fazio- e di potenziare il trasporto pubblico per gli studenti. Novità in arrivo anche sul fronte tasse e mobilità elettrica

Nella foto da sx: Sauro Longhi, Leonardo Archini e Valeria Mancinelli

ANCONA- Si accende l’emozione in Piazza Roma per 400 neodottori dell’Università Politecnica delle Marche. Per il secondo anno consecutivo torna Lauree in Piazza, la cerimonia che vedrà coronare d’alloro in centro città, i laureati delle triennali (Agraria, economia, Ingegneria, Scienze, Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi Dentaria) che hanno conseguito il titolo nella sessione estiva. L’appuntamento per famiglie, amici e cittadini è per giovedì 27 luglio a partire dalle 17.00 in Piazza Roma. Quest’anno le Lauree in Piazza si svolgono per la prima volta a San Benedetto del Tronto. La cerimonia per 22 laureati alla triennale è prevista per questo pomeriggio in piazza Sacconi. Oltre ad Ancona, si riconferma per il secondo anno consecutivo anche la cerimonia a Fermo. Sono 29 i neodottori laureati alla Triennale e alla Magistrale che riceveranno la pergamena in piazza del Popolo il prossimo 24 luglio. Una proclamazione pubblica per suggellare ulteriormente il rapporto tra Università e città.

Lauree in Piazza 2016
(Foto: Univpm)

«Lauree in Piazza è un momento di apertura alla città per mostrare la ricchezza del capitale umano. È una delle tante attività che facciamo per avvicinare l’Università alla società» dichiara il Rettore dell’Univpm, Sauro Longhi.

«È una relazione crescente quella tra Università e Amministrazione Comunale così come cresce il rapporto tra Università e città. L’iniziativa delle lauree in piazza è efficace e rappresentativa di questo rapporto. Questa è solo una delle cose che si sono fatte e di quelle che si faranno – commenta il sindaco di Ancona, Valeria Mancinelli –. Il Comune di Ancona è costantemente in contatto con l’Università Politecnica delle Marche anche attraverso un tavolo operativo permanente. C’è una collaborazione fattiva. Nel piano strategico della città che presenteremo a breve abbiamo ribadito come la presenza dell’Univpm sia uno degli asset strategici per Ancona».

Per migliorare l’accoglienza degli studenti, secondo il Rettore, occorre intervenire su residenze, mense e trasporti. «Per quanto riguarda gli alloggi, abbiamo partecipato a un bando del Miur per avere i fondi per la ristrutturazione di due edifici così da poter realizzare due nuovi studentati in centro. Il primo è nel Parco del Cardeto, nell’ex deposito derrate alimentari; il secondo è l’ex Caserma Fazio di proprietà del Comune. Per la sua riqualificazione è previsto anche il coinvolgimento dell’Erap e dell’Erdis» riferisce il Rettore Longhi.

«Come amministrazione comunale, per lo studentato al Cardeto pensiamo alla variante urbanistica mentre per l’ex Caserma Fazio mettiamo a disposizione l’immobile», specifica il sindaco di Ancona.

Altro tema affrontato dal Rettore è quello dei trasporti. «Bisogna portare gli studenti in centro in quanto i poli universitari sono fuori. La linea 46 ad esempio, funziona molto bene. Andrebbe però potenziata in alcune ore. Con Conerobus e con il Consiglio Studentesco stiamo pensando a soluzioni per la mobilità serale, inoltre daremo un contributo agli studenti per l’abbonamento annuale dell’autobus».

E ancora, la convenzione stipulata con i tassisti. Se si va a equipaggio pieno dalla stazione ai poli universitari i prezzi sono molto vantaggiosi: solo un euro in più rispetto all’autobus. E poi, eventi culturali e la University Card convenzionata con alcuni esercizi commerciali. Insomma, l’Università Politecnica delle Marche sta cercando con le amministrazioni comunali una collaborazione sinergica. Il Rettore Longhi ha poi annunciato due importanti novità. La prima riguarda le tasse, la seconda la mobilità elettrica.

«Con il Supporto del Consiglio Studentesco abbiamo approvato un piano tasse che rimodula la tassazione. Il 77% dei nostri studenti proviene da famiglie con genitori non laureati (dato più alto della media nazionale che si ferma al 74%) ed è anche per facilitare l’ingresso al percorso universitario che abbiamo approvato una nuova tassazione che va oltre il dettato della legge sulla no tax area (Isee sotto i 13mila euro) abbattendo i contributi per chi ha fino a 56mila euro di reddito, sempre nell’obiettivo di dare ai più meritevoli, anche se privi di mezzi, la possibilità di accedere ai più alti livelli dell’istruzione, così come continueremo ad annullare la tassazione per tutti quegli studenti che hanno particolari condizioni di disagio economico anche generato dai recenti eventi simici».

La seconda novità riguarda il trasporto, in particolare misure per incentivare la mobilità elettrica: biciclette con pedalata assistita e linee di trasporto dedicate. Si tratta di un bando nazionale al quale hanno partecipato Università e Amministrazione chiedendo il finanziamento di un milione di euro.

«Non si arriverà al park sharing ma a biciclette elettriche con pedalata assistita. Uno dei problemi sono le stazioni di ricarica in quanto ne occorrono molte. Stiamo quindi lavorando per avere stazioni di ricarica nei punti più affollati come le università e l’ospedale di Torrette» spiega Longhi.

«Questo progetto prevede anche progetti di mobilita dedicata: corse ulteriori, distinte e dedicate per il collegamento ad esempio, centro città -polo universitario di Torrette. Sapremo l’esito del bando prima della fine dell’anno» chiarisce il primo cittadino.

Leonardo Archini, presidente del Consiglio studentesco mette invece in evidenza quello di cui gli universitari avrebbero bisogno. «Le lauree in piazza favorisce l’integrazione tra studenti, molti dei quali fuori sede, e città ma bisogna fare ancora molto. Questioni sono emerse durante il Tavolo Ancona Città Universitaria– sottolinea Archini-. Chiediamo maggior controllo dei contratti di affitto da parte di privati e un controllo della qualità degli alloggi dove gli studenti vivono. È necessario potenziare l’University Card per accedere ad attività culturali e occorrono spazi dove gli studenti possono studiare. Il tema dei trasporti resta aperto: le corse degli autobus dovrebbero essere potenziate nelle ore serali e nel fine settimana, inoltre servirebbero ulteriori agevolazioni per gli studenti che utilizzano il trasporto pubblico».

IL PROGRAMMA “Lauree in Piazza” ad Ancona

Ore 17.00 Convocazione dei neodottori in Piazza Roma. Le corone di alloro saranno distribuite gratuitamente prima della cerimonia.

Ore 18.00 Benvenuto del Rettore

Saluto del Sindaco

Intervento del Presidente del Consiglio Studentesco

Ore 18.30 Consegna delle Pergamene e Proclamazione dei laureati

Ore 20.00 Termine della cerimonia