Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Italia Nostra: «No a un nuovo maxiparcheggio in centro»

L’associazione avanza delle proposte per favorire le attività commerciali cittadine come realizzare zone a traffico limitato in centro, più corse degli autobus, realizzare la metropolitana di superficie

ANCONA- Al coro dei “NO” alla realizzazione del maxiparcheggio coperto all’ex Caserma San Martino si aggiunge quello di Italia Nostra, che condivide pienamente la contrarietà dei residenti di via Torrioni e delle zone limitrofe.

«Lo sanno anche i bambini che se si realizza un nuovo parcheggio in centro esso funzionerà da attrattore di traffico, lasciando sperare l’automobilista di poter trovare un posto libero per la propria auto – dichiara l’associazione -. Entrare con l’auto in centro vorrà dire aumentare l’inquinamento atmosferico, la incidentalità ed il rischio per la salute dei cittadini residenti e degli stessi operatori del commercio».

La sezione di Ancona di Italia Nostra avanza invece delle proposte per favorire le attività commerciali cittadine «senza far morire anticipatamente i propri concittadini»: realizzare zone a traffico limitato in centro, aperte ai soli residenti; più corse degli autobus con i parcheggi scambiatori in periferia aumentandone il numero; riaprire la Stazione Ferroviaria Marittima realizzando la Metropolitana di superficie.

«L’amministrazione comunale dovrebbe fare meno propaganda e più fatti a favore dell’ambiente e della salute dei propri cittadini, a cominciare dall’abbandono di scelte sbagliate, come quelle di realizzare nuovi parcheggi in centro e nuove banchine per grandi navi da crociera, che comporterebbero un ulteriore aumento dell’inquinamento dell’aria in città – incalza l’associazione -. Al contrario è arrivato il momento di istituire le ZTL in centro e potenziare i mezzi pubblici per far uscire i residenti del centro dall’insostenibile assedio del traffico. Ricordiamo al sindaco che Lei è la prima responsabile, per legge, della salute dei propri concittadini».