Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

In Valmusone il primato dei Comuni ricicloni: svettano Camerano e Castelfidardo

Nelle Marche la raccolta differenziata nel 2019 ha superato complessivamente la soglia del 70%. Camerano in testa con l’85,58%, Osimo è il primo tra i Comuni marchigiani con più di 30 mila abitanti.

bidoni, rifiuti, tari, raccolta differenziata
I bidoni per la raccolta differenziata

OSIMO – I dati regionali sulla raccolta differenziata del 2019 incoronano il comune di Camerano come il più virtuoso delle Marche, con una percentuale pari all’85,58 per cento. Al secondo posto nella provincia di Ancona (terzo nelle Marche) si piazza Castelfidardo con l’84,44% di differenziata. Molto bene anche Osimo che con il 77,49% è al primo posto tra i Comuni marchigiani con più di 30 mila abitanti. Ottimi i risultati di tutta la Valmusone dove si supera il 75 per cento di media, con Loreto che si attesta a quota 76,24%. E’ quanto si evince dalla rilevazione dati del sistema ORSO, l’Osservatorio rifiuti sovra regionale.

Nel dato record di Camerano è stata determinante la percentuale di raccolta conseguita nei mesi di agosto e ottobre, che ha raggiunto rispettivamente l’89,5% e l’88,8%. «Questi risultati sono stati possibili grazie all’impegno, alla costanza e al senso civico di gran parte dei Cameranesi», ha sottolineato l‘assessore all’ambiente Costantino Renato.
Esulta anche Osimo con l’assessore Michela Glorio che parla di una città sempre più “green”. «Un grande risultato che premia il lavoro di squadra tra Comune ed Astea – spiega -. L’assessorato a guidare le scelte strategiche, l’Astea ad essere sempre puntuale e operativa».

Il trend positivo dei Comuni ricicloni si conferma in tutta la Regione Marche, dove la percentuale di raccolta differenziata nel 2019 ha superato complessivamente la soglia del 70%, raggiungendo il valore del 70,5%, con un aumento netto dell’1,11%. Il 2019 in particolare è stato l’anno in cui per la prima volta tutte le province marchigiane hanno oltrepassato la soglia  minima nazionale richiesta del 65 per cento.