Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Imprese, l’Ance Marche dice no allo split payment. Perlini: «La proroga è un atto scellerato»

La richiesta di questo strumento che il Governo avrebbe avanzato a Bruxelles è «un deliberato atto contro le aziende a cui si continua a togliere liquidità», spiega il presidente regionale dell'Associazione nazionale costruttori edili

«Se veramente sarà confermata, la richiesta di proroga che il Governo avrebbe avanzato in Europa, sarà l’ennesima prova che invece di voler aiutare le imprese si fa di tutto per farle chiudere soprattutto in questo momento». Questo il commento del presidente di Ance-Associazione nazionale costruttori edili delle Marche Costanzo Perlini.

Che aggiunge: «Se questo è lo spirito che anima il Governo negli Stati generali dell’economia che sono in corso allora non c’è da stare tranquilli», commenta Perlini.

E spiega: «Sono anni che ci battiamo per l’eliminazione di una norma ingiusta che drena 2,5 miliardi all’anno alle imprese con la scusa che si vuole combattere l’evasione: balle! Serve solo per fare cassa e subito a danno di tante imprese oneste». 

Infatti, con l’entrata in vigore della fatturazione elettronica, che consente di controllare in modo capillare i versamenti, è venuta meno anche la motivazione originaria che aveva spinto 5 anni fa il legislatore ad adottare questa misura che peraltro a detta di Bruxelles doveva e poteva avere solo carattere temporaneo.

Inoltre, visto che l’Italia è fanalino di coda dell’Ue per rimborso Iva (63 settimane di media contro quella europea di 16) significa che le imprese dovranno aspettare anni per riavere il proprio credito. «È evidente che si vuol far pagare ancora una volta alle imprese i costi sostenuti dallo Stato: con una mano ci danno liquidità, peraltro in tempi lunghi e in modo non efficiente, e con l’altra ce la tolgono subito».

«Una decisione – continua Perlini – che appare del tutto in contrasto con quanto previsto anche nei programmi elettorali delle forze di maggioranza e dal Premier stesso in tutte le occasioni pubbliche e di fronte alla quale non siamo disposti a stare con le mani in mano».

Per le imprese che stanno affrontando con coraggio questa durissima crisi rappresenterebbe infatti «una mazzata finale ingiustificata e peraltro illegittima. Mi chiedo come l’Europa potrà approvare l’ennesima proroga di una misura che doveva già essere accantonata da tempo: di questo passo non resterà in piedi un’impresa in grado di costruire infrastrutture!», conclude Perlini.