Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

La Giornata nazionale delle Piccole e Medie Imprese riapre alle scuole: studenti anche in presenza nelle aziende

Mingarelli, presidente Piccola Industria Confindustria Ancona: «Diffondere una nuova immagine delle nostre fabbriche è una sfida per l’intero sistema industriale»

fabbrica legno
Foto di ekenamillwork da Pixabay

ANCONA – Domani 19 novembre sarà la Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese: giunto alla 12esima edizione il PMI day ritorna parzialmente in presenza. Dopo l’edizione virtuale del 2020, la formula adottata quest’anno si declina in due modalità. In alcuni casi gruppi di studenti si recheranno in visita presso le aziende del territorio; negli altri sarà l’imprenditore a portare la sua azienda nelle scuole presentandola anche attraverso virtual tour. Le visite avranno inizio dalla giornata di domani e si protrarranno nei giorni successivi.

L’iniziativa, promossa a livello nazionale da Piccola Industria di Confindustria con il sostegno del Ministero degli Affari Esteri e del Ministero dell’Istruzione, con il supporto organizzativo di tutte le associazioni territoriali di Confindustria, è rivolta in primis ai giovani delle scuole medie e superiori, con l’obiettivo di rafforzare il legame scuola-impresa e di comunicare alle nuove generazioni i valori e la cultura degli imprenditori e delle loro imprese.

«Far conoscere le nostre aziende, aprire anche virtualmente le nostre fabbriche agli studenti, agli insegnanti, alle famiglie – ha detto Diego Mingarelli, presidente Piccola Industria Confindustria Ancona – diffondere una nuova immagine delle nostre produzioni ed orientare, nonché attrarre giovani talenti creando un contesto favorevole all’imprenditorialità: è una grande sfida di sistema per il mondo industriale e per tutta la società perché abbiamo bisogno come l’aria del dinamismo dei giovani e del loro sentimento del futuro».

Focus prescelto per il PMI day 2021 è il tema della sostenibilità, in linea con gli obiettivi definiti dall’Agenda 2030 dell’ONU.

«La sostenibilità è un fattore di competitività e di differenziazione per le imprese che, oltre al mercato, incontrano anche la sensibilità delle nuove generazioni che su questo tema stanno dando una spinta straordinaria. Sfide nuove – ha aggiunto Mingarelli – che vanno va ben oltre i confini dell’ambito aziendale, per divenire motore di creazione di valore economico e sociale».

Al momento sono 5 gli istituti della nostra provincia che saranno coinvolti nelle visite aziendali: ITIS Galilei Jesi, Liceo Medi Senigallia, IIS Merloni Miliani Fabriano, IIS Volterra Elia Torrette, IST Laeng Osimo e 8 le aziende del territorio: Bufarini, Cavallari, Diasen, Incom, Mycicero, Pierpaoli, Semar, Zannini.