Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Ancona, frazioni dimenticate: protesta a Montesicuro. I residenti: «Basta degrado» – VIDEO

Una trentina di persone, con striscioni e fischietti, si è data appuntamento per chiedere all’amministrazione comunale diruca più decoro, sicurezza e rispetto. Tra le criticità, asfalti rovinati, panorami transennati, pezzi di mura cadenti

La manifestazione a Montesicuro

ANCONA – Sappanico e Montesicuro manifestano insieme per dire basta al degrado. Le frazioni si sentono dimenticate e una trentina di persone, con striscioni e fischietti, si è data appuntamento, ieri, 11 giugno, a Montesicuro per chiedere all’amministrazione comunale più decoro e sicurezza.
A Sappanico ci sono case fatiscenti a rischio crollo lungo la strada: una è di proprietà comunale, due sono di privati. Anche a Montesicuro le mura di contenimento sono a rischio crollo. Circa tre anni fa si sono aperte delle fessure e l’area, punto di ritrovo per giovani e anziani, è stata transennata. Inoltre, a febbraio, dalla storica Torre dell’orologio sono cadute delle macerie e il passaggio è stato chiuso alla circolazione.

«Da quattro mesi la torre non è ancora stata messa in sicurezza con evidenti problemi di viabilità perché, per entrare e uscire dal paese, adesso si utilizza solo una porta e questo crea dei problemi soprattutto per chi viene da fuori – spiega Giorgio Tremolini, residente Montesicuro-. Solitamente le frazioni sono la parte più degradata di una città, Ancona invece ha la fortuna di avere delle frazioni veramente belle ma che non vengono valorizzate».

Gli abitanti di Montesicuro segnalano anche strade piene di buche e invase dalle erbacce, marciapiedi rotti e la pensilina dell’autobus è piena di mattoni accanto al bancale per sedersi.

«Per la prima volta due frazioni manifestano insieme, questo perché i problemi sono gli stessi. Sia Sappanico che Montesicuro hanno asfalti totalmente rovinati, panorami transennati, pezzi di mura cadenti. Non ne possiamo più di queste discariche a cielo aperto – dichiara Fabio Mecarelli, residente Sappanico-. Qui a Montesicuro ci sono due B&B, un negozio di alimentari, un bar, una pompa di benzina… Le frazioni vanno rivalutate anche nel rispetto di chi ci ha investito».

«Al Comune di Ancona chiediamo più rispetto per le frazioni, la messa in sicurezza di Sappanico e Montesicuro in quanto sono completamente in degrado. Siamo stati abbandonati da tutti, paghiamo le tasse come tutti i cittadini di Ancona e non ci meritiamo questo» commenta Paolo Baggetta, residente Sappanico.

L’assessore alle Manutenzioni, Protezione Civile e Sicurezza, Stefano Foresi, ha informato la comunità di Montesicuro che «la Soprintendenza ha approvato la messa in sicurezza della torre dell’orologio secondo il progetto presentato dall’amministrazione comunale. Si ricorda che l’emergenza Covid 19 in questi mesi ha bloccato alcune tipologie di intervento, comunque è già stato ordinato il materiale ed entro il mese di giugno saranno eseguiti i lavori di messa in sicurezza».

Per quanto riguarda invece piazza del Montone, l’assessore Foresi ha comunicato che «è già stata eseguita la procedura di gara e affidamento sul sistema Mepa con un geologo di Ancona e a breve verranno eseguiti i sondaggi geologici propedeutici alla messa in sicurezza del muro di sostegno».

Anche a Sappanico qualcosa inizia a muoversi. A fine maggio è stata affidato l’incarico per redigere il progetto esecutivo di demolizione dell’edificio di proprietà comunale e di riqualificazione dell’area dove dovrebbe essere realizzato un parcheggio.

«Fino a quando non vedremo le frazioni in condizioni decorose, noi continueremo a manifestare- afferma Mecarelli-. Montesicuro si è unita a Sappanico, se anche altre frazioni che hanno gli stessi problemi vogliono farlo, siamo pronti ad accoglierle».

Il video della protesta