Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

I Dolphins 2018 presentati dal DS Marco Olivieri

Il Direttore Sportivo della formazione anconetana presenta la nuova stagione: «Il Coach darà una chance a chiunque dimostrerà di meritarsela. Sarà un inizio di campionato quanto mai difficile»

Il DS dei Dolphins Marco Olivieri
ANCONA- La nuova stagione è alle porte per i Dolphins Ancona con il Campionato di Prima Divisione che prenderà ufficialmente avvio il 3 marzo. La banda Rotelli è tornata ad allenarsi già da tre settimane raggiunti, in queste ultime sedute, dai giocatori provenienti dall’estero. Si punta a migliorare la stagione positiva del 2017 che ha visto i dorici sfiorare fino all’ultima giornata la quota playoff.
Il calendario metterà subito di fronte la formazione anconetana di Roberto Rotelli ai Seamen Milano, che nell’ultimo campionato primavera ha soffiato all’Under19 anconetana il titolo italiano. E sarà anche un remake visto l’ultimo campionato in cui le compagini doriche e meneghine si sono affrontate anche lì alla prima giornata.
 «Sarà un inizio di campionato quanto mai difficile – spiega il Direttore Sportivo Marco Olivieri – I Seamen Milano, già campioni d’Italia, si rafforzati con una suntuosa campagna acquisti». Il roster dorico allestito risulta pieno di tanti giovani promettenti. «Il ritiro di tante colonne storiche dei Dolphins come Paolo Belvederesi permetterà giocoforza a molti giovani di mettersi in mostra. La gran parte dei ragazzi che hanno perso la finale del campionato primavera  farà parte anche della prima squadra. A dettare chi giocherà e chi no saranno come sempre le qualità tecniche e tattiche di ogni singolo ragazzo, come è naturale che sia. Il Coach darà una chance a chiunque dimostrerà di meritarsela».
Accanto non mancheranno i veterani, da cui ci si aspetta una stagione di livello: «Un po’ tutti dovranno dare il loro contributo per accedere alla post season –specifica Olivieri- ma se proprio devo fare un nome, allora faccio quello di Michele Marchini, averlo al 100% ad ogni partita sarebbe davvero una gran bella cosa per noi e per il ragazzo».