Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Gelato Day al gusto “tiramisù”

Oggi, 24 marzo, la giornata che celebra questa prelibatezza della tradizionale artigianale italiana. Secondo Confartigianato la spesa media di una famiglia all'anno per coni e coppette è di circa 71 euro. Sono 291 le gelaterie presenti sul territorio delle Marche: 77 ad Ancona e a Pesaro e Urbino, 53 a Macerata, 50 a Ascoli Piceno, 34 a Fermo

Oggi, 24 marzo, si celebra la giornata del gelato artigianale quest’anno dedicata al tiramisù: la quinta parola della cucina italiana più conosciuta all’estero, la prima per i dolci.

Secondo i dati di Confartigianato nelle Marche ci sono 291 gelaterie, di cui 209 artigiane (71,8%): 77 ad Ancona, 77 a Pesaro e Urbino, 53 a Macerata, 50 a Ascoli Piceno, 34 a Fermo.

I gusti si moltiplicano per incontrare i favori di tutti e si diversificano, dai classici alle elaborate sperimentazioni. Un piacere, quello del gelato, per cui ogni famiglia spende 71 euro all’anno, secondo la stima  dell’ufficio studi di Confartigianato.

Sono circa 600 i gusti di gelato tra i quali scegliere ma, nonostante un’offerta quasi illimitata, i preferiti continuano a essere i classici: cioccolato (27%), nocciola (20%), limone (13%), fragola (12%), crema (10%), stracciatella (9%) e pistacchio (8%).

«Il numero di gelaterie artigiane – sottolinea Giulia Mazzarini responsabile degli alimentaristi di Confartigianato – conferma che i marchigiani non rinunciano alla qualità e genuinità del prodotto realizzato con materie prime rigorosamente fresche, senza conservanti e additivi artificiali e lavorate secondo le tecniche tradizionali. Inoltre, i gelatieri artigiani sono sempre più attenti a soddisfare particolari esigenze dietetiche o legate a intolleranze alimentari. I consumatori troveranno nel gelato artigiano la storia e la tradizione di un prodotto che nasce nel nostro paese e che i gelatieri hanno esportato con successo in tutto il mondo. Uno dei tanti primati del nostro Made in Italy, che gli artigiani preservano dall’appiattimento dei gusti e dall’attacco ai  sapori della nostra tradizione alimentare. Un “intreccio” speciale di fantasia e qualità»