Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Ancona, Fase 2: dal 18 maggio sì alle passeggiate sui litorali, ma non nel weekend. Ecco cosa si potrà fare

Il sindaco Valeria Mancinelli con un video sulla sua pagina Facebook informa i cittadini di quello che sarà consentito dal 4 maggio e nei giorni a venire e invita, ancora una volta, al senso di responsabilità

Scalinata del Passetto
Scalinata del Passetto

ANCONA –  Ancona si prepara alla fase 2 dell’emergenza Coronavirus che scatterà lunedì 4 maggio. E, come di consueto, il sindaco Valeria Mancinelli con un video sulla sua pagina Facebook informa i cittadini di quello che sarà consentito e invita ancora una volta al senso di responsabilità.

«Sta per cominciare la fase 2. Per il bene di tutti noi le parole chiave dovranno essere: gradualità, responsabilità e disciplina. Responsabilità e disciplina tanto quanto la fase 1. Gradualità perché gradualmente riapriranno e saranno consentite attività che prima non lo erano – dichiara il primo cittadino -. La novità è che dal 4 maggio si potrà uscire di casa per andare a fare la spesa, per andare a lavorare – quelli che posso farlo – ma anche per correre e passeggiare. È una novità importante dopo due mesi di clausura ma bisogna saperla gestire con responsabilità. Si può uscire a camminare ognuno da solo e mantenendo sempre la distanza di un metro dalle altre persone. Possono sembrare dettagli insignificanti invece sono quelli che fanno la differenza tra il poter procedere verso l’uscita dal tunnel o il dover ricominciare da capo. Sono importantissimi e attengono al comportamento di ciascuno di noi».

Il sindaco Mancinelli spiega nello specifico che cosa sarà consentito fare nel capoluogo e a partire da quando. «Ad Ancona, dal 4 maggio si potrà uscire per camminare nelle strade e nelle piazze. Dal 7 maggio si potrà andare a camminare anche nei parchi cittadini, dal 18 maggio si potrà andare a camminare, non a fare il bagno o a prendere il sole, lungo i litorali di Palombina, Passetto e Portonovo. Ovviamente sempre soli e alla distanza di un metro dagli altri. Sui litorali si potrà camminare tutti i giorni escluso il sabato e la domenica. Non è per fare un dispetto, ma per evitare assembramenti. Per tante persone, con il bel tempo, il fine settimana potrebbe essere il momento giusto per tornare al mare. Dunque, oggettivamente, questo creerebbe assembramenti che invece dobbiamo fare di tutto per evitare. Inoltre, stiamo lavorando per riaprire altri servizi per disabili e centri estivi».

Il sindaco esorta ancora una volta i cittadini ad essere responsabili. «Adesso è la parte più difficile perché non siamo più ingessati dentro casa. Dobbiamo essere in grado di gestire questo poco di libertà in più in modo responsabile seguendo scrupolosamente le regole date per la fase 2. Dobbiamo esserne capaci proprio come siamo stati capaci del sacrificio di stare due mesi dentro casa. Adesso niente sbarco. Se sbagliamo adesso dovremo ricominciare tutto da capo e non possiamo permettercelo. Mi raccomando».

La Mancinelli invita poi i cittadini ad affidarsi a fonti ufficiali in quanto «girano tante notizie confuse e spesso sbagliate sulle regole di comportamento. Leggete sul sito del Comune, su Infomacittà o telefonate all’Urp».

fase due

Gradualità, responsabilità, disciplina. Da lunedì 4 possiamo uscire a passeggiare nelle vie e nelle piazze. Lunedì riaprono anche i cimiteri. Da giovedì 7 riaprono tutti i parchi cittadini. Da lunedì 18 potremo camminare lungo i litorali (non nel fine settimana per evitare assembramenti). Rispettiamo le regole per procedere verso l'uscita dal tunnel o ricominciamo daccapo. Su Comune di Ancona – Informacittà, sito del Comune e all'Urp tutte le informazioni.

Pubblicato da Valeria Mancinelli su Venerdì 1 maggio 2020