Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Falconara, sorpresi senza patente, revisione e assicurazione. Multe salate

Sequestrati un’auto di grossa cilindrata e uno scooter nell’ambito dei controlli sui veicoli in transito. Da inizio 2022 sono stati 10 i mezzi sotto sequestro perché privi di assicurazione

FALCONARA – Era senza patente e guidava un’auto senza assicurazione né revisione. Scattano il sequestro del mezzo, sanzioni per 3.500 euro e una segnalazione alla Prefettura. È stato pizzicato dagli agenti della polizia locale di Falconara un cittadino extracomunitario che, durante la settimana scorsa, è incappato in un posto di controllo lungo via Flaminia. Gli agenti lo hanno fermato nel corso dei quotidiani controlli di polizia stradale. L’auto di grossa cilindrata, immatricolata nel Regno Unito, non era stata nemmeno sottoposta a revisione. Al momento del controllo è venuto fuori che il conducente non aveva alcuna patente valida e, da una ispezione degli agenti, sono state trovate due bustine di stupefacente che hanno comportato una segnalazione alla Prefettura. Sempre nell’ambito degli stessi controlli è stato individuato un altro extracomunitario, anch’esso privo di qualsiasi abilitazione alla guida che viaggiava in sella ad uno scooter senza assicurazione né revisione. Gli agenti hanno sequestrato anche questo ciclomotore e sanzionato il conducente per 3.500 euro.

I controlli vengono organizzati quotidianamente dal Comando di Polizia Locale di Falconara, già impegnato nel servizio di viabilità par disciplinare la circolazione lungo la via Flaminia durante i cantieri per il rifacimento del manto stradale. Due compiti, quello per la disciplina della circolazione lungo la Flaminia e quello per i controlli sui veicoli in transito, che gli agenti stanno portando avanti in parallelo

Dall’inizio dell’anno sono già 10 i veicoli sequestrati dalla polizia locale in quanto privi di assicurazione, frutto di un monitoraggio costante sulla circolazione, mentre altri quattro sono stati rinvenuti abbandonati in aree private per i quali scatteranno pesanti sanzioni a carico dei proprietari e l’obbligo di effettuare un corretto smaltimento.