Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Falconara, ritorno a scuola: più controlli alle fermate degli autobus

L'assessore al Trasporto pubblico Clemente Rossi agli studenti: «Rispettate le regole, i volontari saranno presenti per aiutarvi»

insegnanti, scuola, coronavirus, contagi da covid-19, classe, quarantena

FALCONARA MARITTIMA – In vista della riapertura degli istituti superiori lunedì 25 gennaio, il Comune di Falconara ha predisposto, grazie ai volontari e agli agenti del comando falconarese, un servizio di monitoraggio alle fermate degli autobus più affollate, negli orari più critici. Le associazioni di volontariato faranno quindi squadra con la polizia locale per garantire un rientro a scuola ordinato e a prova di contagio.

Dalle 7 alle 7.45 saranno presidiate le fermate di Castelferretti centro, Case Unrra (davanti alla farmacia), quella della stazione ferroviaria, della zona Disco e di Palombina Vecchia (vicino all’incrocio tra via Flaminia e via Palombina Vecchia) per controllare il distanziamento tra gli studenti durante l’attesa, la salita sull’autobus in modo ordinato e
l’utilizzo delle mascherine. Un presidio sarà presente anche davanti all’istituto superiore Cambi-Serrani. Tra le 13 e le 13.30 i controlli si concentreranno invece alle fermate de La Caravella, del Disco e della stazione ferroviaria (direzione nord) per il rientro a casa.

Hanno dato la disponibilità a partecipare ai controlli i volontari del gruppo comunale di Protezione civile, dell’associazione di Protezione civile, della Croce Gialla di Falconara, della Blu pubblica assistenza, della Società nazionale di salvamento, dell’Associazione Arma Aeronautica e dell’Anmi.

Clemente Rossi

«Faccio un appello al senso di responsabilità degli utenti, in particolare degli studenti – dice l’assessore al Trasporto pubblico, Clemente Rossi – nel senso di autogestirsi in tutte le fasi del trasporto, dall’attesa alla salita e all’uscita dai mezzi di trasporto, per garantire il reciproco distanziamento e l’uso costante degli strumenti di autoprotezione previsti, in particolare mascherine e igienizzanti. È un sacrificio cui tutti ci dobbiamo sottoporre per superare questo momento critico. I volontari saranno presenti per vigilare e aiutarci al raggiungimento di questo obiettivo».