Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Falconara: nuovi campionatori per il monitoraggio delle esalazioni

L'assessore all'Ambiente Valentina Barchiesi: «I luoghi individuati per l'installazione sono stati decisi sulla base delle segnalazioni dei cittadini»

Installazione dei campionatori a Falconara

FALCONARA MARITTIMA – È stata avviata l’installazione di cinque dei sei campionatori previsti con il “Progetto Ambiente”, predisposto dall’Arpa Marche su proposta del Comune di Falconara per monitorare anche le sostanze organiche volatili (Cov), potenzialmente collegate alle esalazioni maleodoranti. I punti individuati per installare i box campionatori sono Palazzo Bianchi (il dispositivo era stato già posizionato a gennaio), via Romero a Castelferretti, la piazzetta di via dell’Aeroporto a Case Unnra (vicino alla ex scuola Marconi), il gradone più basso del parcheggio di via
VIII Marzo a Falconara Alta, via Liguria a Palombina Vecchia (a ridosso del muro perimetrale della scuola Mercantini). Un sesto campionatore sarà installato in via Flaminia, all’uscita del sottopasso pedonale all’incrocio con via Stamura.

Il primo campionatore di palazzo Bianchi è stato finanziato dall’Arpam, gli altri dalla raffineria, mentre il Comune di Falconara si fa carico dell’installazione, della messa in funzione e delle spese di gestione dei dispositivi, compresa la videosorveglianza e l’assicurazione sulle attrezzature. I campionatori sono abbinati alla App Odornet, attivata l’estate scorsa per permettere ai cittadini di segnalare le esalazioni in tempo reale.

Valentina Barchiesi

«I luoghi individuati per l’installazione – spiega l’assessore all’Ambiente Valentina Barchiesi – sono stati decisi anche sulla base delle segnalazioni dei cittadini, sia quelle telefoniche arrivate negli anni, sia quelle inoltrate attraverso la App Odornet. È stato coperto tutto il territorio comunale e in questo modo possiamo monitorare anche aree che finora sono rimaste scoperte». Gli obiettivi del sistema di controllo e monitoraggio sono individuare le aree maggiormente interessate dalle esalazioni, accertare quali sostanze siano presenti nell’aria e a quali concentrazioni, quali siano le sorgenti.