Insegue una donna e si spaccia per carabiniere. 21enne agli arresti domiciliari

A finire nei guai un giovane Falconara Marittima, che avrebbe insultato una 35enne di fronte a suo marito, un vero carabiniere. Il giovane aveva indosso 2,5 grammi di hashish, è accusato di resistenza a Pubblico Ufficiale, sostituzione di persona e detenzione ai fini di spaccio

Carabinieri, militari dell'Arma, gazzella
Carabinieri

FALCONARA MARITTIMA – Aggredisce verbalmente una donna, si finge carabiniere, senza sospettare che in realtà il marito della signora è davvero un militare dell’Arma. È accaduto questa mattina a Falconara. L’uomo, un 21enne del posto è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale, sostituzione di persona e detenzione ai fini di spaccio.

La vicenda ha avuto inizio intorno alle 11 di questa mattina, 15 aprile, quando una donna 35enne, residente ad Ancona, stava percorrendo via Flaminia a bordo della sua auto, nel tratto compreso tra Falconara Marittima ed il capoluogo dorico, e si è imbattuta in una giovane coppia che viaggiava nella sua vettura. Il conducente dell’auto, un 21enne residente a Falconara, già noto alle forze dell’ordine, con il pretesto di una mancata precedenza, ha iniziato ad aggredire verbalmente la donna con urla e imprecazioni.

La 35enne spaventata si è allontanata velocemente dal posto, non accorgendosi però di essere seguita dall’uomo. Arrivata al parcheggio di un bar di Collemarino è stata nuovamente aggredita verbalmente dal 21enne che l’aveva seguita fin lì. Sul posto però, ad attendere la donna, c’era il marito, con il quale si era accordata di incontrarsi per prendere un veloce caffè.

Il 21enne e la compagna, una 22enne di Jesi, hanno iniziato ad inveire contro la donna. Il marito della 35enne, allarmato dalla scena, si è avvicinato rapidamente per sedare l’aggressione verbale, ma appena avvicinato il giovane 21enne gli si è presentato come un carabiniere, invitandolo a non intromettersi nella questione.

Il marito della signora a questo punto gli ha chiesto di visionare il tesserino, ma lui per tutta risposta gli ha detto che avrebbe chiamato sul posto dei colleghi per procedere nei confronti suoi e della moglie. A questo punto il colpo di scena, perché un carabiniere c’era davvero ed era il marito della 35enne, militare in servizio presso il Comando Legione Carabinieri di Ancona.

Il 21enne alla notizia ha tentato una fuga maldestra, ha sferrato uno schiaffo contro il carabiniere e ha spintonato la moglie. Nella fuga ha tentato di disfarsi di due pezzi di hashish, dal peso complessivo di 2,5 grammi, ma la droga è stata intercettata dal militare. Una pattuglia di carabinieri del Radiomobile di Ancona giunta sul posto ha posto fine alla questione, facendo scattare le manette ai polsi del 21 enne.

Alla perquisizione domiciliare del giovane i militari hanno trovato altri 3,5 grammi di hashish insieme ad un bilancino di precisione. Il giovane è stato collocato agli arresti domiciliari su disposizione del Pm Irene Bilotta, in attesa dell’udienza di convalida prevista per la mattinata di domani, 16 aprile. Il 21enne dovrà rispondere di Resistenza a Pubblico Ufficiale, sostituzione di persona e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente in concorso con la compagna.