Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Falconara, taglio del nastro per il nuovo campetto rosso: «A servizio della scuola e della città»

La struttura è stata riqualificata per 150mila euro dall'ente proprietario, la Provincia di Ancona. Presenti al taglio del nastro le autorità politiche e scolastiche. E poi alcuni giovani, che l'hanno subito "testato"

Le autorità presenti dopo il taglio del nastro del campetto rosso di Falconara

FALCONARA – Taglio del nastro, stamattina, per il campetto rosso di Falconara Marittima, situato a metà tra gli Istituti Cambi e Serrani e da oggi finalmente a disposizione della comunità scolastica e della città. La riqualificazione dell’impianto, che da anni versava in condizioni non ottimali, è stata inserita nel Piano delle opere pubbliche dell’ente Provincia di Ancona ed è stato finanziato dallo stesso a fine 2020 per un importo di 150mila euro. Si tratta di un luogo simbolo per i falconaresi, teatro di mille partite per intere generazioni e spazio all’aperto di socialità e divertimento.

Il campetto, rosso per tutti, ma con gli interventi di ristrutturazione «tinto» di verde, è di proprietà della Provincia ma sarà in primo luogo a servizio degli studenti, che ritroveranno un’area sicura e moderna per fare sport. Ma in futuro non è da escludere che potrà essere utilizzato anche dai cittadini o dalle associazioni che ne faranno richiesta.

All’inaugurazione hanno partecipato il presidente della Provincia di Ancona Luigi Cerioni, l’ingegnere Alessandra Vallasciani (responsabile dell’Area Edilizia Scolastica dell’ente), oltre ai tecnici che hanno supervisionato i lavori Paola Orciani e Antonio Paglia. Presenti anche molte autorità, quali il sindaco di Falconara Stefania Signorini (e preside del Cambi-Serrani), l’assessore allo Sport Raimondo Baia, i consiglieri provinciali (e comunali) Giorgia Fiorentini e Laura Luciani, il direttore generale dell’Ufficio Scolastico Regionale Marco Ugo Filisetti.

I primi fortunati a giocare nel campetto rosso, oggi verde: i bambini falconaresi

Il momento più emozionante si è verificato quando alcuni giovani, di passaggio in zona e con la palla sotto al braccio, hanno avuto la possibilità di accedere nel campetto per giocare, testarlo subito dopo gli interventi, tra gli applausi degli adulti, contenti e soddisfatti di aver restituito tale struttura a tutta Falconara.

«Sarà uno spazio importante per le attività sportive della scuola e della comunità cittadina – il commento del presidente Cerioni -. È sempre un bel momento quando si inaugurano campetti simili, come abbiamo fatto in altre realtà (Jesi e Ancona), a servizio delle scuole. I ragazzi avranno la possibilità di ritrovare questo impianto dentro al loro campus scolastico, immerso in un’area verde e baricentrico rispetto all’abitato circostante».

«C’è grande soddisfazione per lo sviluppo di questo progetto – la voce invece del sindaco Signorini -. Ho insistito molto con la Provincia affinché lavorasse per il rifacimento del campetto, perché era stata una richiesta esplicita del Consiglio comunale delle ragazze e dei ragazzi, arrivata parecchi anni fa, per riuscire a giocare di nuovo in un luogo di aggregazione e che in passato era un vero punto di incontro per i più piccoli falconaresi. Sarà fruibile agli studenti e anche alla città, studieremo le migliori formule di utilizzo».

Orgoglio anche per il direttore Filisetti, che ha parlato di «un’inaugurazione arrivata al momento giusto: ovvero in prossimità dell’avvio del Piano Scuola Estate. E dunque importante per le attività sportive, culturali e associative, che necessitano di strutture come questa all’aperto, che si svilupperanno da qui a settembre. Sia collegate direttamente alla scuola, sia anche a quelle di privati e cittadinanza. Ora l’auspicio è di vedere quanto prima il campetto pieno di giovani».