Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Falconara, gira con un motorino sequestrato. Nei guai 57enne

Lo scooter è stato ritrovato in via Flaminia con il sigillo di sequestro nel vano portaoggetti. Il proprietario è stato denunciato e ora dovrà anche pagare una multa di 1.800 euro

Sigilli allo scooter da parte della Polizia Municipale di Falconara

FALCONARA – Doveva restare parcheggiato ad Ancona perché sequestrato, invece un vecchio motorino Jiangmen del 2007 è stato ritrovato a Falconara, con il sigillo di sequestro amministrativo dentro il vano portaoggetti.

Quel viaggio clandestino di 10 chilometri con tutta probabilità comporterà la revoca della patente a un 57enne residente nel capoluogo, che dovrà anche pagare una multa di 1.800 euro e affrontare un procedimento penale per aver rimosso il sigillo. Per l’incauto proprietario dello scooter quello di ieri è stato davvero un martedì nero.

Gli agenti della polizia locale di Falconara hanno infatti ritrovato il ciclomotore parcheggiato lungo la Flaminia. Lo scooter risultava senza copertura assicurativa dal luglio scorso e sono stati gli stessi agenti a ritrovare il sigillo di sequestro, accartocciato, nel vano portaoggetti anteriore. Proprio perché non assicurato, il motorino era già stato sequestrato il 25 ottobre scorso ad Ancona dagli agenti della polizia locale del luogo.

Il proprietario, residente nel capoluogo avrebbe dovuto tenerlo in custodia in un’area privata e, per ricominciare a usarlo, entro 60 giorni dal sequestro avrebbe dovuto pagare una sanzione di 868 euro e rinnovare l’assicurazione per almeno sei mesi. Trascorso quel termine senza alcuna azione da parte del 57enne, per lo scooter sono state avviate le pratiche per la confisca. Il proprietario si trova ora ad affrontare conseguenze amministrative e penali: la Prefettura di Ancona, su annotazione della polizia locale di Falconara, disporrà, come previsto per legge, la revoca della patente e un nuovo sequestro, ma stavolta lo scooter sarà acquisito alla proprietà dello Stato e scatterà l’alienazione del bene.

Il 57enne anconetano dovrà anche pagare, come già accennato, una multa di 1.800 euro e sarà deferito all’Autorità Giudiziaria per la rimozione del sigillo di sequestro amministrativo. L’operazione è scattata nell’ambito dei controlli del territorio disposti dal Comando falconarese.