Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Rapina e furto, 6 anni alla donna che aveva razziato negozi e supermercati della provincia

Dati i numerosi reati di cui si è resa responsabile assieme ad altre donne di etnia rom, spesso parenti, la Corte di Appello di Ancona ha stabilito che fosse portata a Villa Fastiggi a Pesaro, per espiare sei anni di reclusione

FALCONARA MARITTIMA – Rapina e furto nei supermercati della provincia di Ancona. Per questi due reati, commessi tra il 2007 ed il 2010, è stata arrestata dai carabinieri una donna di 48 anni, di etnia rom e residente in città.

I militari hanno condotto nel carcere femminile di Villa Fastiggi, a Pesaro, la 48enne che stava espiando gli arresti domiciliari a Castelferretti per altre condanne per analoghi episodi.

I fatti in questione risalgono a oltre 10 anni fa, quando assieme ad altre donne della stessa etnia, spesso parenti, si è resa in più occasioni responsabile di furto di vestiti, alcolici e prodotti alimentari costosi, arrivando anche ad aggredire e minacciare il personale impiegato che riusciva ad incastrarla, richiedendo l’immediato intervento delle forze dell’ordine.

In un episodio, consumatosi nel 2010 proprio nel periodo prenatalizio, aveva rubato con una complice pluripregiudicata giocattoli per oltre 250 euro aggredendo con spintoni e minacce di morte la commessa che aveva segnalato l’ammanco. Poche settimane prima era stata immortalata dalle videocamere di sorveglianza di un negozio mentre rubava alcolici per oltre un centinaio di euro

Per lei, come stabilito dalla Corte di Appello di Ancona, si sono aperte dunque le porte del carcere pesarese dove dovrà scontare una pena cumulativa di sei anni per rapina impropria e furto aggravato.