Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Falconara, denunciati due giovani per detenzione di droga

Controlli a tappeto su esercizi commerciali e parco Kennedy da parte dei Carabinieri, nell'ambito dell'operazione “Periferie Sicure”. Identificate 60 persone

Posto di blocco dei Carabinieri

FALCONARA – Controlli a tappeto su esercizi commerciali e parco Kennedy nell’ambito dell’operazione “Periferie Sicure” a Falconara marittima.

Nella serata di ieri, 31 agosto, i carabinieri della Tenenza di Falconara Marittima, unitamente al Nucleo Antisofisticazione e Sanità, alle unità Cinofili dell’Arma dei Carabinieri ed ai militari della Compagnia di Intervento Operativo, hanno realizzato un ampio servizio di controllo coordinato del territorio, identificando circa 70 soggetti, metà dei quali stranieri.

Denunciate due persone trovate in possesso di sostanze stupefacenti, insieme ad un terzo soggetto, straniero, per inosservanza agli obblighi inerenti il soggiorno sul territorio italiano.

Complessivamente, l’operazione ha consentito il rinvenimento di svariate dosi di sostanza stupefacente, tra cocaina, hashish e marijuana.

Ecco i numeri:
·         25 militari impiegati;
·         2 cani antidroga (una femmina di 3 anni di nome ANITA ed un maschietto di 4 di nome ARTHUR);
·         60 persone controllate (tra cui 27 stranieri);
·         30 dosi di stupefacenti tra Cocaina, Hashish e Marjuana per un peso complessivo pari a mezzo etto;
·         8 locali controllati;
·         2 prescrizioni erogate in materia di sicurezza alimentare;
·         2 denunciati per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti;
·         1 straniero denunciato per inosservanza agli obblighi inerenti il soggiorno sul territorio italiano.

I due giovani, denunciati per detenzione e spaccio, sono stati sorpresi presso il Parco Kennedy, in compagnia di una trentina di ragazzi coetanei, alcuni di loro appena maggiorenni.

Al termine del controllo i militari hanno invitato i giovani a ripulire il parco da bottiglie e lattine lasciate a terra, diffidando gli stessi dal tenere un comportamento più rispettoso delle aree verdi e degli spazi comuni.