Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Falconara, al via i lavori alle scogliere

Un intervento atteso da oltre trent’anni che consentirà la rifioritura delle protezioni naturali della spiaggia. Investimento da 860 mila euro

Enti, istituzioni e professionisti coinvolti nei lavori alle scogliere di Falconara
Enti, istituzioni e professionisti coinvolti nei lavori alle scogliere di Falconara

FALCONARA – Si è svolta questa mattina la consegna dei lavori per le scogliere di Falconara Marittima. Un intervento atteso da oltre trent’anni e che consentirà la rifioritura delle protezioni naturali della spiaggia dalle mareggiate invernali e dall’erosione). Un progetto da 860 mila euro, di cui 330.000 finanziati da Multiservizi, e i restanti 530.000 dalla Regione Marche. Si parte dal sud, al confine con Ancona e si proseguirà fino alla spiaggiola di Villanova (via Monti e Tognetti). È prevista una sospensione dei lavori per evitare intralci alla stagione balneare, ma la Impresa Nicola Daloisio conta di portare a termine buona parte dell’intervento già per la primavera.

Questi i temi trattati nella conferenza stampa di questa mattina al castello di Falconara Alta alla presenza  del Sindaco Goffredo Brandoni, del Direttore Fenarale di Multiservizi spa Patrizio Ciotti, del presidente Falcomar Alessandro Filippetti, il progettista Nicola Daloisio, il dirigente dei lavori pubblici Stefano Capannelli, il direttore dei lavori l’Ing. Paolo Zoppi e il collaudatore tecnico amministrativo l’Ing. Stefano Cognini.

La conferenza stampa di presentazione dei lavori alle scogliere di Falconara
La conferenza stampa di presentazione dei lavori alle scogliere di Falconara

Il sindaco Brandoni ha ricordato la criticità e la necessità della rifioritura delle scogliere che permetterà, se non nella imminente stagione, almeno per le prossime, un allargamento della battigia; «L’intervento – ha detto il Primo Cittadino – sarà anche propedeutico alla salvaguardia dei numerosi stabilimenti balneari dove gli operatori hanno investito somme importanti. E questi lavori sono indirizzati proprio a difendere la costa nelle le stagioni invernali. L’iter burocratico è stato lunghissimo, e ringrazio l’on Emanulele Lodolini per l’impegno nell’iter amministrativo, come segno di buona collaborazione per il bene del territorio, inoltre da parte di tutta l’Amministrazione ringrazio anche la Capitaneria di Porto di Falconara nella persona del comandante Rocco Polimeno che è sempre stato al nostro fianco durante l’iter burocratico».

Quattro anni per un cantiere di sette mesi, che è partito proprio oggi. L’intervento vero e proprio scatterà fra circa tre settimane. Il materiale sarà prelevato dalle cave di Acquasanta Terme e, forse in parte alle cave di Apricena in Puglia”.

Sulla costa passa una condotta molto importante ed ecco perché anche la Multiservizi ha scelto di finanziare l’opera.