Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Al via ad Ancona “Saldi sotto le stelle”: acquisti fino a mezzanotte con gli sconti estivi

Fino al 1° settembre è caccia all'affare con gli sconti estivi; il park Umberto I sarà aperto fino alle ore 23. Polacco (Confcommercio): «Importante far ripartire gli acquisti in centro»

ANCONA – Scattano oggi, sabato 6 luglio, i saldi estivi che dureranno fino al primo settembre. Per l’occasione anche quest’anno Confcommercio Marche Centrali lancia “Saldi sotto le stelle”: chi vorrà fare shopping serale, potrà effettuare acquisti scontati nei negozi che saranno aperti fino a mezzanotte.

«L’iniziativa Saldi sotto le stelle è giunta alla trentunesima edizione – scrive in una nota Confcommercio Marche Centrali – e nei negozi fervono da giorni i preparativi per l’avvio delle vendite di fine stagione».
Per aiutare le persone a trovare parcheggio, il park Umberto I sarà aperto fino alle ore 23.

«L’apertura serale sarà quindi un’ulteriore opportunità – sostengono da Confcommercio – per vivere il centro, approfittando magari di fare un aperitivo e mangiare qualcosa, godendo appieno della dimensione commerciale del capoluogo marchigiano».

Massimiliano Polacco
Massimiliano Polacco

«L’obiettivo è far ripartire la corsa allo shopping – commenta Massimiliano Polacco, direttore generale Confcommercio Marche Centrali – visto che i dati che emergono dai primi mesi di quest’anno delineano una certa debolezza del settore che ha sofferto anche per l’instabilità meteorologica».

Per il corretto acquisto degli articoli in saldo, Confcommercio ricorda alcuni principi di base:

  1. Cambi – La possibilità di cambiare il capo dopo che lo si è acquistato è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme (art. 1519 ter cod. civile introdotto da D.L.vo n. 24/2002). In questo caso scatta l’obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato. Il compratore è però tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto.
  1. Prova dei capi – Non c’è obbligo. È rimesso alla discrezionalità del negoziante.
  1. Pagamenti – Le carte di credito devono essere accettate da parte del negoziante.
  1. Prodotti in vendita – I capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo.
  1. Indicazione del prezzo – Obbligo del negoziante di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale.

Confcommercio segnala, inoltre, le varie iniziative promosse sull’intero territorio nazionale da Federazione Moda Italia, come “Saldi Chiari”, “Saldi Trasparenti”, “Saldi Tranquilli”.