Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Amministrative a Camerano, “No donne sindaco”: scritta discriminatoria contro la candidata Ippoliti. «Oltraggioso» 

Imbrattati e strappati i manifesti elettorali di Marinella Ippoliti, l'unica donna in corsa per la poltrona di primo cittadino, mentre quelli dei colleghi maschi sono stati lasciati indenni. Il commento della presidente della commissione per le pari opportunità

La scritta apparsa a Camerano

ANCONA – “No donne sindaco”. È la frase discriminatoria apparsa sui cartelloni elettorali allestiti in vista delle amministrative nel Comune di Camerano, al fianco del manifesto della candidata sindaco Marinella Ippoliti l’unica donna in corsa per la poltrona di primo cittadino.

I manifesti della Ippoliti, che si presenta con la lista “Cambiare veramente Camerano”, sostenuta dal centrodestra, sono stati presi di mira, e alla frase dallo sfondo discriminatorio, sono stati anche imbrattati e strappati nella notte, a differenza di quelli dei “colleghi uomini” che compaiono al suo fianco. Una azione che va avanti già da qualche giorno.

A destra il manifesto della candidata sindaca Ippoliti strappato (foto da Facebook)

A riferire l’episodio bollandolo come atto discriminatorio è stata questa mattina Maria Lina Vitturini, presidente regionale della commissione per le pari opportunità. «Tutto questo è davvero oltraggioso – afferma Vitturini – e fa male».

La presidente della commissione per le pari opportunità ha voluto rivolgere un messaggio di solidarietà e un augurio «a tutte le donne che sono scese in campo, nonostante tutte le difficoltà. Per una donna è difficoltoso entrare in politica per i tanti impegni che successivamente comporta. In bocca al lupo a tutte le donne che sono candidate, in particolare alla candidata sindaca di Camerano».