Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Edilizia scolastica ad Ancona, il candidato di Forza Italia Silvetti: «Ritardi di anni e patrimonio inutilizzato»

Il coordinatore provinciale di FI: «Ci sono ben 12 edifici scolastici abbandonati che non solo non sono stati riqualificati ma nemmeno riconvertiti»

Daniele Silvetti
Daniele Silvetti

ANCONA – Con l’approssimarsi dell’avvio dell’anno scolastico si ripropone, quest’anno soprattutto con la pandemia da coronavirus in corso, il tema delle criticità nell’edilizia scolastica.

Daniele Silvetti, coordinatore provinciale di Forza Italia e candidato alle prossime elezioni regionali come capolista nel collegio di Ancona, fa in merito il punto sul capoluogo marchigiano: «L’amministrazione comunale di Ancona e la sindaca Mancinelli, in particolare, si affretta a evidenziare gli interventi in corso per garantire l’avvio dell’anno scolastico ma il vero problema è che ad Ancona ci sono ben 12 edifici scolastici abbandonati che non solo non sono stati riqualificati ma nemmeno riconvertiti, taluni facenti parti del patrimonio regionale ed ex provinciale, ma alcuni anche della città di Ancona».

Silvetti insiste: «In questa fase così delicata che rischia di incidere sul futuro dei nostri figli emerge tutta l’incapacità di programmare e di pianificare del centro-sinistra in questa regione». Per concludere: «Vivere alla giornata senza avere un’idea di come affrontare e risolvere certe situazioni alla lunga porta questi risultati che incidono anche sul bilancio perché significano un depauperamento del valore di beni materiali che, lasciati in stato di abbandono, sono sempre meno appetibili per eventuali acquirenti senza considerare gli aspetti architettonici e di decoro urbano che non migliorano di certo l’immagine della città».