Ai domiciliari per droga evade: «Volevo solo un kebab» e scatta l’arresto bis

In manette un 27enne sorpreso con droga in tasca e altro stupefacente in casa dove si era attrezzato con una serra. Dopo le manette era uscito per mangiare ma è incappato in una operazione di polizia che lo ha scambiato per un ladro

La droga trovata in casa
La droga trovata in casa

ANCONA – Lo fermano in via Tiziano e lo trovano con in tasca un pezzetto di hashish. Scatta la perquisizione in casa e spunta altra droga tra marijuana e sempre hashish compresa una serra per la coltivazione.

Oltre 300 grammi di stupefacente, lampade per accelerare la crescita delle piantine, termometri e concime. La polizia lo arresta per produzione e detenzione di droga ai fini di spaccio e viene collocato ai domiciliari ma dopo poche ore evade per andare a mangiare. «Volevo solo un kebab», ha esordito agli agenti che lo hanno visto appiattirsi sotto una vettura parcheggiata in via Paolucci.

Le pattuglie delle Volanti, dirette da Cinzia Nicolini, erano a Vallemiano per l’arresto di 4 rumeni accusati di furto in abitazione quando sono incappate nel 27enne. Inizialmente sembrava un ladro. Ha destato sospetto, infatti, che alla vista della polizia, attorno a mezzanotte, si nascondeva per non farsi vedere. Gli agenti però lo hanno notato e riportato in questura.

Questa mattina, difeso dall’avvocato Manuel Piras, è comparso davanti al giudice Carlo Masini che ha convalidato l’arresto con obbligo di firma alla pg. Il pm Giovanni Centini aveva chiesto la custodia ai domiciliari. L’avvocato ha chiesto i termini a difesa e l’udienza è stata rinviata al 26 marzo. L’arrestato risiede in via Cervi ma è originario dell’Abruzzo.

 

La droga trovata in casa
La droga trovata in casa