Docenti a “lezione” in azienda per comprendere le richieste del mercato del lavoro

Si è concluso oggi pomeriggio (16 maggio) il progetto Alternanza4.0_DO4C nato dalla collaborazione tra Confindustria Marche ed Ufficio Scolastico Regionale per le Marche

L'evento finale del progetto Alternanza4.0

ANCONA- Formare gli studenti alle esigenze del mondo del lavoro. Docenti a “lezione” in azienda per comprendere le richieste di un mercato in continua evoluzione. Si è concluso oggi pomeriggio (16 maggio) nella sede di Confindustria Ancona il progetto Alternanza4.0_DO4C che ha visto la partecipazione di 45 imprese associate al Sistema confindustriale regionale, 73 Istituti secondari superiori di secondo grado marchigiani aderenti, oltre 280 docenti e dirigenti coinvolti. Il progetto sul tema dei PCTO (Percorso per lo sviluppo delle competenze trasversali e l’orientamento ex alternanza scuola lavoro), rivolto a dirigenti scolastici, docenti, genitori degli studenti ed imprenditori, è nato dalla cooperazione tra Confindustria Marche ed Ufficio Scolastico Regionale per le Marche. 

L’obiettivo del progetto è avvicinare sempre di più il mondo della scuola con il mondo del lavoro in quanto le aziende hanno bisogno di reperire sul mercato figure professionali adatte a coprire i loro fabbisogni occupazionali. L’itinerario formativo, articolato in 6 differenti tappe per 25 ore di attività, ha previsto visite aziendali e laboratori tematici organizzati presso le scuole aderenti con esperti nazionali.

Claudio Schiavoni, presidente Confindustria Marche

«Nell’alternanza scuola lavoro notiamo spesso che la formazione fatta all’interno della scuola non è in linea con le esigenze delle aziende- commenta Claudio Schiavoni, presidente Confindustria Marche-. Con questo nuovo progetto abbiamo portato i professori all’interno delle aziende per fargli capire “come funziona”. Allo stesso tempo ha permesso alle imprese di capire come si muove la scuola. Questo è il primo anno sicuramente ripeteremo l’iniziativa. La formazione è la leva della crescita del Paese. In Italia però si investe in questo settore circa il 3% del PIL, meno di altri paesi europei. Occorre fare di più, i giovani rappresentano il nostro futuro».

«Il nostro obiettivo strategico è che i nostri studenti si inseriscano nel sistema socio economico produttivo secondo le loro vocazioni. È importante costruire un’offerta formativa adeguata al fabbisogno espresso» afferma Marco Ugo Filisetti, direttore Ufficio Scolastico Regionale per le Marche.

I partecipanti

Presenti all’evento conclusivo i partner di progetto, gli esperti di Confindustria e della scuola, gli imprenditori ed i docenti coinvolti e gli allievi dei Licei Artistici regionali, che hanno raccontato l’esperienza progettuale attraverso un video da loro realizzato.