Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Diomedi (M5S): «Che fine ha fatto il Centro del Riuso? Dall’Amministrazione solo iniziative spot»

Il Movimento 5 Stelle lo scorso anno ha presentato una mozione, approvata dal Consiglio Comunale il 13 luglio 2017, che impegna il Sindaco e la Giunta ad istituire un Centro del Riuso ma da allora non è ancora stato realizzato

ANCONA- Sabato 10 marzo in Corso Carlo Alberto prenderà vita “MANCO’NAVANZO”, un’iniziativa per sensibilizzare i cittadini al riciclo e alla diminuzione dello spreco organizzata da Comune di Ancona, AnconAmbiente, ATA Rifiuti Ancona, Ludoteca del Riuso Riù e Centro Diurno il Faro. Dunque sarà possibile portare allo Spazio Riuso materiale usato ancora in buono stato (vestiti, giocattoli, elettrodomestici) e ritirarne altro gratuitamente. In questo modo, quello che per alcuni è un rifiuto, per altri può diventare un oggetto utile. Proprio per ridurre la produzione dei rifiuti, il Movimento 5 Stelle lo scorso anno ha presentato una mozione, approvata dal Consiglio Comunale il 13 luglio 2017, che impegna il Sindaco e la Giunta ad istituire un Centro del Riuso.

«Che fine ha fatto? In quale cassetto è rimasta?- domanda la consigliera del M5S Daniela Diomedi-. Mentre la città di Ancona è in attesa che venga attivato un centro del riuso, l’Amministrazione organizza iniziative “spot” per “sensibilizzare” la popolazione e per abituarla alla riduzione della produzione dei rifiuti attraverso pratiche virtuose di scambio di oggetti ancora servibili. Queste iniziative “spot” sono utilissime… In mancanza di meglio: ovvero in mancanza di un Centro permanente del Riuso che sarebbe previsto dalla normativa regionale vigente e obbligatorio in città con più di 100.000 abitanti, come Ancona».

In occasione dell’iniziativa MANCO’NAVANZO” – Giornata del riuso, sabato 10 marzo chiusura straordinaria del CentrAmbiente di Via Sanzio Blasi snc di Posatora. Chiuso anche il CentrAmbiente di Via del Commercio ad Ancona per lavori di manutenzione straordinaria.