Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Dal carcere di Montacuto una lettera alla giovinezza reclusa

Nella casa circondariale di Ancona la presentazione di un libro del detenuto Davide Storlazzi. Musica e riflessioni accompagneranno l'evento assieme al garante regionale per i diritti dei detenuti, Nobili

Davide Storlazzi con la sua fiaba scritta nel carcere di Montacuto
Davide Storlazzi, scrittore-detenuto nel carcere di Montacuto (Ancona)

ANCONA – Si intitola “Lettera ad una giovinezza in catene” il libro scritto nel carcere di Montacuto da un detenuto che verrà presentato nella casa circondariale dorica venerdì 10 gennaio alle ore 9:30. A scriverla Davide Storlazzi, giovane detenuto, da tempo alle prese con la scrittura.

Storlazzi dà voce a pensieri ed emozioni scrivendo una lettera a se stesso, alla sua giovinezza in catene: un’interlocutrice molto particolare a cui porre molte domande, cercando un confronto sugli errori del passato, sul presente in carcere e soprattutto per avere risposte sul futuro e sulla vita che sarà.

L’iniziativa, organizzata dalla fondazione ‘Gabbiano’ di Senigallia in collaborazione con la direzione del carcere di Montacuto, vedrà momenti di ascolto, musica, riflessione e testimonianze. La presentazione del libro sarà impreziosita dalle note della pianista Ilenia Stella, con musiche dal vivo. Sarà presente anche il garante regionale dei diritti dei detenuti, Andrea Nobili, insieme al personale istituzionale e volontario che opera all’interno della struttura.