Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Maltratta la moglie: «Non vali niente, sei buona solo a lavare e stirare». Condannato

Due anni la pena inflitta ad un 45enne che picchiava e umiliava la consorte. Lui si difende: «Mai toccata, erano solo litigi»

AGUGLIANO – Scatti d’ira quando erano a tavola dove avrebbe lanciato piatti con il cibo ancora sopra e botte alla moglie che per anni avrebbe subito umiliazioni del tipo: «Non vali niente, sei buona solo a lavare e stirare». Con l’accusa di maltrattamenti aggravati in famiglia un 45enne è finito a processo davanti al collegio penale del tribunale di Ancona dove il giudice Edi Ragaglia lo ha condannato ora a due anni più il pagamento di un provvisionale di 10mila euro propedeutica al risarcimento danni per la moglie. Anni di percosse e umiliazioni per la donna, anche lei di 45 anni, parte civile con l’avvocato Alessandro Calogiuri, che avrebbe subito in quasi dieci anni di matrimonio prima di intraprendere la strada del tribunale.

L’avvocato Alessandro Calogiuri

La coppia viveva ad Agugliano e il marito, stando alle accuse, avrebbe avuto il vizio del bere. In casa c’erano anche pochi soldi e a mandare avanti la famiglia era lei. «Ero costretta a fare tre lavori – ha riferito la donna, sentita in aula durante il processo – e vivevo con la paura e l’ansia che lui poteva scattare per nulla». Una prima denuncia l’aveva fatta nel 2014, dopo tre anni di matrimonio. Era andata via di casa poi lui l’aveva ricercata dicendosi pentito e lei era tornata. Nel 2018 una seconda denuncia fatta a seguito di episodi che si erano aggravati. L’uomo, originario della Puglia, non era cambiato e l’avrebbe maltratta davanti al figlio di pochi anni. 

Durante una discussione lui, dietro un abuso etilico, avrebbe spaccato il tavolino della cucina dove stavano mangiando e con la gamba del tavolo avrebbe colpito la moglie in testa sulla schiena e sulle gambe. Il marito, anche lui sentito durante il processo, difeso dall’avvocato Tommaso Rossi, ha parlato di conflittualità familiari, litigi, nulla di più sottolineando che non le ha mai fatto del male.