Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Colpo al bancomat, ladri in fuga tamponano i carabinieri

È accaduto questa notte ad Ancona nella filiale Ubi banca di via Grandi. Dopo aver fatto saltare lo sportello con l'esplosivo la banda si è scontrata con il mezzo dei militari dell'Arma

ANCONA – È caccia aperta alla banda di ladri che questa notte ha assaltato lo sportello bancomat dell’Ubi banca di via Grandi ad Ancona. I ladri hanno prima sfondato la porta dello sportello con un ariete e poi hanno fatto saltare con polvere pirica il bancomat riuscendo a rubare tutte le banconote. Immediatamente è scattato l’allarme collegato all’utenza del 112 e sul posto si è precipitata una pattuglia della Sezione Radiomobile della Compagnia di Ancona. I militari dell’Arma hanno intercettato i ladri in fuga a bordo di una Alfa Romeo Giulietta bianca lungo la Strada Statale 16, mezzo risultato rubato. Gli occupanti dell’auto, due uomini, nonostante l’alt imposto dai militari, non si sono  fermati, dandosi alla fuga a forte velocità.

I carabinieri si sono messi subito all’inseguimento della Giulietta per bloccarne la corsa. Giunti nei pressi di via Pontelungo, i ladri hanno finto di fermarsi, ma in realtà era solo un escamotage per seminare i militari: la banda ha infatti ingranato la retromarcia per darsi alla fuga, ma nella manovra hanno tamponato l’auto di servizio dei militari. Di nuovo in fuga, i ladri si sono diretti verso una strada sterrata di via Candia, dove hanno abbandonato il veicolo e si sono dileguati nelle campagne.

Sul posto sono confluite numerose unità del Comando Provinciale di Ancona per la caccia alla banda, ma per il momento le ricerche non hanno ancora dato esito. Impegnate anche le volanti della Questura di Ancona. Il bottino del furto non è ancora stato quantificato. Nel portabagagli della Giulietta i carabinieri hanno rinvenuto l’ariete utilizzato dalla banda per sfondare il vetro della banca.

I due militari che erano a bordo del mezzo incidentato, sono stati soccorsi dal personale del 118 che ha provveduto a trasportarli al pronto soccorso dell’ospedale di Torrette. Ai carabinieri sono state diagnosticate contusioni guaribili in 10 e 7 giorni.