Arrestato per la droga nel comodino torna libero

Nessuna misura cautelare al 35enne sorpreso dalla polizia, ad Ancona, con 21 grammi tra marijuana ed eroina. L'arresto è stato però convalidato. Il giovane, che aveva lo stupefacente in camera da letto, ha pendente anche un decreto di espulsione

Droga e contanti sequestrati
Droga e contanti sequestrati

ANCONA – Trovato con la droga nel comodino, il giudice convalida l’arresto ma rimette in libertà il 35enne finito in manette sabato pomeriggio, al Piano. Su di lui pesava anche un decreto di espulsione dal territorio italiano, emesso a marzo. Durante l’udienza di convalida, questa mattina, M. Y., ghanese, ha detto al giudice Elisa Matricardi che i quasi 21 grammi di stupefacente (20 grammi di marijuana e 90 grammi di eroina) non erano tutti suoi ammettendo di essere un consumatore abituale di fumo.

Il giovane, che vive con il fratello e altre 10 persone in un appartamento, era stato sorpreso dalla polizia mentre parlava con fare sospetto in corso Carlo Alberto. Gli agenti lo avevano poi seguito fino all’abitazione, in un condominio. Entrati nella palazzina e saliti fino al secondo piano, dove abita il ghanese, la polizia aveva sentito odore di marijuana così gli agenti erano entrati per un controllo. Nel comodino della sua camera da letto era stata trovata la droga. Nascosto tra i vestiti c’era anche un salvadanaio con 305 euro considerati i proventi dello spaccio. La droga infatti era stata trovata suddivisa in dosi.

Difeso dall’avvocato Moreno Giaccaglia è stato rimesso in libertà. Il pm Giovanni Centini aveva chiesto gli arresti domiciliari. Il processo inizierà il 5 giugno.