Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Corto Dorico Film Fest, vince Big di Daniele Pini: tutti i vincitori

La giuria composta da Wilma Labate, Andrea Paris e Simona Paggi ha premiato il cortometraggio del regista romano Daniele Pini

Big di Daniele Pini
Immagine del film "Big" di Daniele Pini (Foto: Corto Dorico)

ANCONA – È Big di Daniele Pini il corto vincitore della XVIII edizione di Corto Dorico Film Fest, Festival di cortometraggi diretto dal regista e direttore della fotografia Daniele Ciprì e dallo sceneggiatore Luca Caprara, dal 4 al 12 dicembre alla Mole Vanvitelliana di Ancona.

Si tratta di un doppio riconoscimento per Big che è stato insignito sia del Premio Stamira miglior cortometraggio, conferito dalla giuria di qualità, sia del Premio del pubblico. Quest’anno la giuria di qualità era composta dalla regista Wilma Labate (Arrivederci Saigon, La mia generazione, Signorina Effe), dal produttore del gruppo Groenlandia, Andrea Paris (Smetto quando voglio, Il primo re) e dalla montatrice nominata agli Oscar per La vita è bellaSimona Paggi

Questa la motivazione della giuria: «Big è un film pieno di idee, ha stile e un linguaggio sintetico come chiede il cortometraggio. Gli attori lavorano in sottrazione e dunque sono autentici grazie a una direzione sapiente».

Menzione speciale a Lia di Giulia Regini con questa motivazione: «Un film coraggioso e delicato allo stesso tempo».

Big racconta la storia di Matilde che vive insieme a suo nonno in una angusta casa sul mare. Per guadagnare qualche soldo, scandaglia la spiaggia con il metal detector alla ricerca di qualche oggetto di valore. In una fredda mattina d’inverno, Matilde troverà un oggetto che cambierà la sua vita per sempre.

Daniele Pini è nato a Roma nel 1987, è regista e sceneggiatore. Diplomatosi in Regia presso il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, è co-fondatore della Nikada Film e realizza spot per la televisione e videoclip. Nel 2017 ha diretto Rocky, cortometraggio premiato al Giffoni Film Festival da Rai Cinema e numerosi altri festival, mentre nel 2020 ha fatto l’esordio in sala con il suo primo lungometraggio documentario, Impressionisti Segreti. Big ha vinto il premio come Miglior Cortometraggio nella sezione Alice nella Città della Festa del Cinema di Roma 2021.

Corto Dorico, gli altri premi

Il Premio Nie Wiem al Miglior Cortometraggio d’impegno sociale è andato a Tropicana di Francesco Romano; il Premio Giuria Giovani Nazareno Re a Le buone maniere di Valerio Vestoso; il Premio Cgs Acec Sentieri di Cinema è stato vinto da U figghiudi Saverio Tavano; il Premio Ristretti Oltre le Mura da Big di Daniele Pini e il Premio giovani Salto in lungo – cantiere di cinema da Due di Filippo Meneghetti. 

Near Our border di Martina Troxler è invece il corto vincitore del Concorso Internazionale Amnesty International Italia e del Premio “Gianni Rufini” della Giuria Giovani. Store Policy di Sarah Arnold è il vincitore del Premio del pubblico di questo concorso. 

A conclusione della XVIII edizione del Corto Dorico Film Fest, queste le parole dei co-direttori artistici, il regista e direttore della fotografia, Daniele Ciprì e lo sceneggiatore Luca Caprara: «Ci eravamo ripromessi un Festival pronto a ritrovare uno “spazio” non solo di contenuti ed emozioni ma un luogo fisico capace di attivare condivisioni reali e socialità, che tornasse ad essere di nuovo comunità. Questa edizione di Corto Dorico Film Fest è stato questo. È tornato il confronto diretto, tangibile. E ci riteniamo molto soddisfatti perché pensavamo a proprio a questo tipo di “Anticorpi” quando abbiamo scelto il tema del Festival, nella speranza e visione di un “cinema per la rigenerazione”».

«A 18 anni il festival è ormai autonomo. C’è una straordinaria squadra di professionisti/e e volontari/e, da tutte le Marche, che lo ha preso in mano e lo sta portando lontano – ha detto il presidente di Nie Wiem, Valerio Cuccaroni -. Abbiamo sempre sostenuto che il cinema è al cinema: grazie alla nuova Nie Wiem, al sostegno del Comune e di tutti i partner ci siamo riusciti. In questi tempi bui la luce del cinema e in particolare quello di impegno sociale è fondamentale».

Exit mobile version