Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Al mare in trikini? Impazza la moda delle mascherine abbinate al costume

Nonostante il mercato dei costumi da bagno sia ancora paralizzato dal lockdown, la fantasia degli artigiani lavora a pieno ritmo. A Falconara Elexia Beachwear ha rivisitato il due pezzi abbinandoci la mascherina. E la moda spopola sul web

ANCONA – Costume e mascherina facciale abbinata. È forse così che potremmo andare sulle spiagge marchigiane questa estate? Un interrogativo che potrebbe avere presto una risposta, ma intanto nell’incertezza si fa di necessità virtù. Ed ecco che il lockdown, imposto per limitare la diffusione del Coronavirus, ha solleticato la fantasia di una imprenditrice di Falconara Marittima che ha ideato il cosiddetto “trikini“, un bikini abbinato alla mascherina.

Uno dei trikini realizzato

«L’idea è nata scherzando in famiglia» racconta Tiziana Scaramuzzo, titolare di Elexia Beachwear, un piccolo laboratorio artigianale con spaccio annesso che confeziona costumi da bagno su misura e accessori, in via Buozzi poco lontano dal centro storico di Falconara. «La chiusura del laboratorio, avvenuta in primavera, un periodo clou per la nostra attività, ci aveva veramente buttato a terra – racconta – , allora abbiamo pensato con le mie figlie di provare a realizzare qualche mascherina colorata, più per gioco, per sdrammatizzare la situazione e risollevarci un pò il morale. Abbiamo postato le foto sulle pagine social della nostra attività, Facebook e Instagram, e la cosa è piaciuta molto. In tanti hanno iniziato a chiederci di confezionarle».

«Non si tratta di un presidio chirurgico» tiene a precisare Tiziana Scaramuzzo, per le quali occorre l’autorizzazione da parte dell’Istituto Superiore di Sanità, quindi una trafila molto lunga, ma sono «mascherine in cotone all’interno delle quali poi volendo si possono inserire dei filtri».

Una delle mascherine colorate

Dalle mascherine all’idea del trikini il passo è stato breve, quanto geniale, complice la fantasia della signora Tiziana. «Pensavamo a come poteva essere andare al mare  quest’anno con la mascherina e allora ho pensato di realizzarne una in licra, abbinata al costume. È stato più un gioco, ma alla fine potrebbe davvero diventare realtà, se la situazione dovesse sbloccarsi». Una idea che l’ha portata alla ribalta mediatica tanto che la foto del suo trikini è stata mostrata nel corso del programma televisivo Striscia la Notizia, in onda sulle reti Mediaset, nell’ambito di una carrellata di immagini curiose relative alla quarantena.

Una moda che già impazza sul web, anche se il mercato costumi da bagno è ancora paralizzato dal lockdown, ma la fantasia degli artigiani, quella no, non la può fermare nessuno.

«Non avrei mai pensato che questa situazione di blocco delle attività produttive sarebbe proseguita così a lungo – spiega – è una situazione davvero pesante, specialmente per una attività come la nostra che si gioca tutto in questo periodo. Non sappiamo ancora cosa succederà, ma pensare che la stagione possa saltare sarebbe un dramma».

Una delle mascherine colorate

Un clima di grande incertezza che però non riesce ad affliggere il mondo degli artigiani, da sempre ricco di creatività e di una manualità sorprendente.

Se da un lato la quarantena ci abbruttisce, «ci stiamo accorgendo che le persone hanno voglia di normalità – spiega la signora Scaramuzzo – , c’è grande voglia di rinascere e di bellezza, e ce lo dimostrano chiedendoci mascherine dai colori sgargianti, abbinate agli occhiali o all’abbigliamento, Questo ci lascia ben sperare perché significa che le persone cercano di allontanare la depressione e questo è positivo».