Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Coronavirus, cosa fare in casa per non annoiarsi

Dalla cucina ai giochi da tavolo, dalla lettura di un libro ai film da vedere in famiglia. Ecco alcune attività che si possono fare all’interno delle mura domestiche, divertendosi anche con i propri figli

ANCONA – Restare a casa, fino al 3 aprile, è la raccomandazione del Governo per rallentare la diffusione del Covid-19. Come sconfiggere, dunque, la noia al tempo del coronavirus? Ecco alcune idee e attività che si possono fare all’interno delle mura domestiche, anche divertendosi con i propri figli.

Un libro è sempre la risposta migliore alla noia. Si può leggere da soli o insieme. Ad esempio Bookabook è una casa editrice italiana che pubblica libri attraverso il crowdfunding e mette a disposizione un vasto catalogo di libri di ogni genere che possono essere acquistati e scaricati direttamente online nel formato digitale degli ebook. Si può però approfittare del tempo da passare a casa, anche per pulirla a fondo e per buttare le cose vecchie, ma si può anche suonare, riprendendo in mano un vecchio strumento, o telefonare agli amici che non si sentono da tanto, oppure mantenersi in forma con gli esercizi fisici che possono essere fatti nel proprio appartamento o magari nel giardino.

Tante le idee anche per passare il tempo a casa con i bambini divertendosi, a seconda delle età: leggere una storia, colorare insieme libri di disegni, assemblare un puzzle, fare giochi da tavolo, sfidarsi ai videogame, giocare con i lego, ma i genitori possono anche farsi aiutare a cucinare e a pulire la casa, trasformando le faccende domestiche in attività divertenti per tutti. Ad esempio si possono preparare insieme una bella torta, biscotti, pane, focacce e pizza, facendo divertire i più piccoli mettendo le mani in pasta. Ma è una buona idea guardare anche un cartone animato o un film tutti insieme.

Ad esempio Italia 1 ha deciso di cambiare il proprio palinsesto, dando ampio spazio a programmi dedicati alle famiglie. Dalle prime ore del giorno alle 8.30 spazio ai migliori cartoni animati, dalle 8.30 la serie di documentari BBC “Planet Earth 2 – Meraviglie della natura” e dalle 9.30 “The Flash”, la serie dedicata al supereroe più veloce del mondo. Nel pomeriggio, dalle 14 confermati “I Simpson” e “The Big Bang Theory”, mentre dalle ore 16 film adatti a tutta la famiglia, tra cui “Biancaneve e il cacciatore”, “La Bella e la Bestia”, “Il gatto con gli stivali”,  “Shrek”.

Anche Rai 2 ha cambiato la programmazione. Dal 9 marzo su Rai2 alle 7.30 e su Rai Yoyo alle 16.20 è tornato L’albero azzurro, ma ci sono anche i cartoni e un ciclo di TV movie. Dal 12 marzo al 3 aprile, invece, una selezione di film d’archivio dello Schermo dell’arte saranno disponibili e visibili in streaming gratuitamente sulla piattaforma MYmovies, ma si può passare il tempo anche guardando documentari, cooking show, film a tema gastronomico, viaggi intorno al mondo.

Tra le attività ci si può dedicare anche alla propria bellezza, innanzitutto sistemando il beautycase, a volte pieno di matite ridotte a mozziconi e di flaconi aperti da mesi. Si può quindi approfittare del maggior tempo libero per lavare i pennelli da trucco e per dedicarsi alla cura della pelle, magari con un ottimo detergente, un prodotto idratante e un anti-age antiossidante. E, se si ha sempre poco tempo per scoprire i segreti del trucco perfetto, comodamente sul divano si possono vedere i tutorial su YouTube per imparare.

È arrivata, poi, anche la solidarietà digitale. È l’iniziativa del Ministro per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione, con supporto tecnico dell’Agenzia per l’Italia Digitale, per ridurre l’impatto sociale ed economico del Coronavirus grazie a soluzioni e servizi innovativi. Grandi imprese e grandi gruppi, sul sito del Governo, hanno messo a disposizione servizi gratuiti per aiutare gli italiani, in questo momento difficile in cui è bene rimanere a casa. Ad esempio Vodafone elimina limiti di minuti e giga; Amazon mette a disposizione formazione e Prime Video; Mondadori regala Abbonamenti gratuiti per tre mesi ai magazine del Gruppo; La Repubblica e La Stampa sono gratis per 3 mesi.