Consiglio comunale di Ancona: bilancio sul primo anno di attività

Seduta del consiglio comunale di Ancona

ANCONA – Trentatré sedute del consiglio comunale, 152 commissioni, 259 interrogazioni urgenti. Tre consigli comunali aperti: nel 2018 uno sulla sicurezza e un altro sulla sicurezza sismica degli edifici scolastici; nel 2019, a maggio, sulla movida. Sono alcuni dati relativi all’anno di attività del consiglio comunale di Ancona, illustrati oggi (22 luglio) dalla presidente del Consiglio Comunale, Susanna Dini.

In totale, dal 13 luglio 2018 al 22 luglio 2019, si sono svolte 33 sedute del consiglio comunale. Ben 152 il numero delle commissioni. Sono state 249 le interrogazioni urgenti, alle quali si aggiungono le 10 esaminate nella seduta odierna. In tutto 15 le interrogazioni orali e 56 quelle scritte. Le delibere consiliari trattate sono state 167. Le proposte di mozione e di ordine del giorno presentate ammontano a 127. Sono state 33 le riunioni dei presidenti capigruppo.

Tre i consigli comunali aperti: nel 2018 uno sulla sicurezza e l’altro sulla sicurezza sismica degli edifici scolastici; uno soltanto nel 2019, a maggio, sulla movida. Assidua la presenza dei consiglieri in aula, facendo registrare pochissime assenze. I dati relativi alle presenze/assenze saranno pubblicati per quindici giorni sul sito istituzionale del Comune di Ancona.

Da sin. il sindaco Valeria Mancinelli e la presidente del Consiglio comunale Susanna Dini

«Rendiamo conto ai cittadini, che vengono rappresentati dal Consiglio, di un anno di attività – afferma Susanna Dini – un atto necessario per rispondere del nostro impegno agli anconetani. La civica assise ha dato più volte dimostrazione, nel corso di questo primo anno di lavoro, di essere capace di comprendere l’alto compito a cui viene chiamata dal sistema giuridico-costituzionale. Non solo. Abbiamo cercato di lavorare affrontando i vari temi con un confronto serio e costruttivo non solo nell’aula ma anche in seno alle varie commissioni, ragionando insieme, seppur con differenti punti di vista, sul futuro della nostra città. Siamo consapevoli che molto resta ancora da fare ma siamo certi che, così come finora dimostrato, sapremo insieme agire in maniera fattiva per dare ad Ancona concrete risposte. Infine voglio ringraziare tutti, consiglieri e dipendenti dell’Amministrazione, che hanno lavorato per garantire un corretto svolgimento dell’attività della civica assise».