Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Concluso lo screening per le scuole di Falconara: 3 positivi su 730 tamponi

«Ringrazio di cuore tutti i soggetti che hanno permesso di organizzare questo servizio», la voce del sindaco. Domani il tanto atteso rientro in classe

L'attesa fuori dal Terminal prima del test

FALCONARA – Concluso lo screening per le scuole di Falconara all’aeroporto Raffaello Sanzio. In totale sono stati sottoposti a tampone 730 bambini, che hanno aderito gratuitamente e su base volontaria, per tornare domani in classe con maggiore sicurezza. Come da comunicazione ufficiale del Comune di Falconara, si apprende che sono state accertate tre positività. Dunque ragazzi che non torneranno in aula con i compagni, ma che saranno purtroppo costretti all’isolamento. Casi che, probabilmente, senza i test non sarebbero emersi.

Ecco che tante famiglie hanno apprezzato l’iniziativa realizzata su richiesta dell’ente falconarese e con la collaborazione di Aerdorica, Enac, Innoliving, Kos Marche e la Protezione civile, che ha costituito un importante servizio per il tracciamento e il contrasto al virus.

«Ringrazio di cuore tutti i soggetti che hanno permesso di organizzare questo servizio – la voce del sindaco Stefania Signorini -. Innoliving, Aerdorica e Gruppo Kos hanno dimostrato grande sensibilità verso la comunità falconarese e i volontari della nostra Protezione civile, ancora una volta, non si sono risparmiati e si sono messi a disposizione della città. Insieme è stata creata una bella sinergia e una squadra ben organizzata. Questo ha permesso di estendere lo screening anche ai bambini delle scuole materne. Sottoporsi a tampone non era obbligatorio e mi fa piacere che tante famiglie abbiano colto questa opportunità, un ulteriore strumento per tornare in classe in sicurezza».

Il presidio era stato attivato sabato 3 aprile ed è stato aperto anche lunedì 5 aprile e nella giornata odierna. Dopo la notizia del ritorno in zona arancione è stato esteso a scuole dell’infanzia e studenti di seconda e terza media.