Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Il Comune di Ancona è “Plastic Free”: no ai prodotti in plastica monouso

Il Consiglio comunale ha approvato la mozione del gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle che prevede l'eliminazione graduale nelle sedi comunali di tutti gli articoli in plastica monouso, anche quelli legati alla vendita mezzo per mezzo di distributori automatici

Immagine di repertorio

ANCONA- Il Comune di Ancona è “Plastic Free”. È stata approvata in Consiglio comunale la mozione presentata dal Movimento 5 Stelle che prevede l’eliminazione graduale di tutti gli articoli in plastica monouso nelle sedi comunali. La mozione era già stata approvata all’unanimità in V Commissione, e ora ha ottenuto il via libera dal Consiglio.

Dunque, il Comune di Ancona accoglie la sfida “Plastic Free Challenge” lanciata del Ministro dell’Ambiente Sergio Costa. La campagna ha come obiettivo quello di liberare dalla plastica, a partire dagli articoli monouso, il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare entro il 4 ottobre 2018. L’appello è poi stato esteso agli altri Ministeri e a tutte le Istituzioni; le Regioni, le Province, le Città Metropolitane, i Comuni e tutti gli Enti pubblici.

«La sfida lanciata dal Ministro è quella di liberare dalla plastica, a partire dagli articoli monouso, gli Uffici centrali (Ministeri) e, a scendere tutti gli uffici pubblici: ognuno di noi deve dare qualcosa a questo paese e le Istituzioni devono dare il buon esempio- afferma il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle-. Il Consiglio Comunale ha sposato tale indirizzo e ha impegnato il Comune a predisporre ogni azione necessaria affinché nelle proprie sedi vengano eliminati gradualmente tutti gli articoli in plastica monouso, anche riguardo quelli legati alla vendita mezzo distributori automatici, e l’eliminazione progressiva della plastica monouso da tutti i servizi e gli eventi organizzati e/o patrocinati dal Comune anche al di fuori dei propri uffici. Un passo importante a favore di quel cambiamento culturale che non può più attendere».